eventi
TSW 2020
Varsavia (Polonia)
15-16 Gennaio 2020

FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

giovedì 24 ottobre 2019


Uva da tavola, la corsa delle seedless

Uva da tavola, la corsa delle seedless non si ferma in Italia e nel giro dei prossimi tre-cinque anni si potrebbe avere il 50% degli impianti con semi e il 50% senza semi. E' uno degli aspetti emersi ieri a Madrid durante il primo incontro del Gruppo di contatto tra Italia, Francia, Spagna e Portogallo. Oltre ai dati produttivi si è parlato di aspetti fitosanitari e apertura dei mercati.

La delegazione italiana del gruppo di contatto dell'uva da tavola è composta da Donato Fanelli (coordinatore del comitato uva da tavola dell'Oi Ortofrutta Italia), Giacomo Suglia e Alfio Messina (Fruitimprese), Vincenzo Patruno e Luigi Rizzo (Alleanza cooperativa italiane), Sergio Curci (Cia), Michela Laporta e Salvatore Novello (Unione nazionale Italia Ortofrutta), Teresa Diomede (Op Apoc) e Roberto Cherubini (Mipaaf).


Ma torniamo ai numeri. Nel documento che la delegazione italiana ha presentato al Gruppo di contatto sono state riassunte le previsioni di raccolta per il 2019. Nel nostro Paese si contano 47.200 ettari di impianti dedicati all'uva da tavola, con la Puglia che rappresenta oltre il 60% delle superfici. I volumi attesi sono di circa 970mila tonnellate, il 30% in meno della passata stagione, con una prevalenza di uva con semi (70%) rispetto alle seddless, ma nel giro di qualche anno, come anticipato, si arriverà alla parità.

Dei volumi prodotti in Italia solo il 18% (175mila tonnellate) resta in Italia, il 50% è destinato al mercato europeo e il 32% nei Paesi extra Ue.



Sugli aspetti fitosanitari, la delegazione italiana ha insistito sul riconoscimento reciproco dei fungicidi e insetticidi impiegati. L'obiettivo è creare un "sistema di deroghe europeo armonizzato per evitare che in un Paese si possa utilizzare in deroga un prodotto che in un altro e` vietato, ovvero situazioni di concorrenza sleale".

"Il gruppo di contatto uva da tavola - hanno ribadito i rappresentanti italiani - deve avere l‘ambizione di affrontare in modo sinergico l'apertura dei nuovi mercati extra Ue in modo da creare delle regole di ingaggio comuni in termini fitosanitari e commerciali. Dobbiamo disinnescare la regola per cui nell'impostare le politiche di export ogni Paese si muove per conto proprio e invece per le importazioni da altri paesi fuori dall'Unione europea e` la Comunita` Europea che decide gli standard e le regole di ingaggio, spesso a svantaggio dei nostri produttori".

"Pertanto - la conclusione - dovremmo pretendere di realizzare come in import anche in export una politica comune in modo da avere una posizione piu` forte, visto anche la situazione attuale dei dazi tra Usa e Cina".

Copyright 2019 Italiafruit News


Maicol Mercuriali
Editor - Social Media Manager
maicol@italiafruit.net

Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Uva

Altri articoli che potrebbero interessarti: