eventi
THINK FRESH
7 Settembre 2020
MACFRUT  DIGITAL
8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

lunedì 28 ottobre 2019


Marroni veronesi tra luci e ombre

Marroni veronesi tra luci ed ombre: i produttori della Lessinia, area montuosa Prealpina che collega la provincia scaligera con quella vicentina, sono complessivamente soddisfatti dell’andamento del tipico "Marrone San Mauro", partito sul mercato con una settimana di ritardo e oggetto di un calo di produzione rispetto allo scorso anno, ma capace di spuntare buoni prezzi grazie anche alla pezzatura medio-alta; viene venduto all'ingrosso a 4,80 euro più Iva per i calibri grandi e 3,80 euro in meno per i frutti medi.

Da quest’anno l'associazione Castanicoltori della Lessinia dispone di un sistema di pesatura e confezionamento automatizzato acquistato in comune da 35 produttori: permette di confezionare sacchetti da mezzo chilo, uno e due chili applicando il nome del produttore, il marchio dell'associazione, il numero di lotto, la pezzatura. La vespa cinese non fa più paura, a differenza del cancro corticale che però colpisce solo le piante più vecchie, mentre si stanno innestando nuovi ceppi. 

C’è invece preoccupazione, nel monte Baldo - la montagna che si affaccia sul lago di Garda - per il marrone Dop di San Zeno, che ha subito un crollo dei volumi. Motivo: i cinghiali che mangiano e devastano le produzioni. All’appello, scrive il quotidiano L’Arena, mancano  oltre cento quintali a fronte dei 250-300 quintali di una stagione media, per l’80% biologici: i volumi, quest’anno non dovrebbero superare i 120 quintali. Per alcune imprese agricole le perdite hanno raggiunto il 100% della produzione.

Copyright 2019 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: