eventi
IPM ESSEN 2020
Essen (Germania)
28-31 Gennaio 2020
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
FRESKON 2020
Salonicco (Grecia)
2-4 Aprile 2020

MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

giovedì 12 dicembre 2019


Pugliese e i limiti dei produttori agroalimentari: «Unitevi»

Il messaggio che arriva da Francesco Pugliese sembra cucito su misura per la filiera ortofrutticola: "Unitevi, solo così il locale diventa globale". Questo il pensiero del numero uno di Conad, espresso in una recente intervista sul Corriere della Sera, che fa subito venire in mente la scarsa aggregazione presente in ortofrutta.

Nell'alimentare Pugliese individua due driver della crescita: export e produzione di Mdd. "Oggi il livello qualitativo medio delle imprese si è elevato tantissimo, la tecnologia è accessibili a tutti e dunque ormai è comune, il marketing come strumento di affermazione di un marchio costa tantissimo, cifre improponibili per una piccola azienda, e però non fa più la differenza nella testa dei consumatori: con Carosello bastava il pulcino nero, oggi si bada ad altro. E torniamo a quello che realmente fa la differenza. I marchi si costruiscono nella testa del consumatore, ma i prodotti si costruiscono in fabbrica e lì si costruisce, di consegenza, il nuovo vero fattore di successo: la reputazione".



Oggi per migliorare la reputazione, lo vediamo anche in ortofrutta, si sventola la bandiera della sostenibilità. "Tutti parlano di sostenibilità - rimarca l'ad di Conad - ma se prendessimo i bilanci di molte grandi aziende, vedremmo che la sostenibilità è spesso soprattutto un tema di marketing. Se invece va da un piccolo imprenditore scoprirà che non racconta storie: tutto ciò che dice di aver fatto per il territorio o le persone c'è ed è visibile. E' così che ci si crea una reputazione: con un tipo di credibilità che nessuna campagna pubblicitaria può costruire".

Pugliese parla anche del fenomeno dell'italian sounding in giro per il mondo. "Dimostra da un lato l'alta richiesta di prodotti Made in Italy da parte dei consumatori del mondo, dall'altro l'incapacità del nostro agroalimentare di rispondere. Siamo il Paese nato dai Comuni, non siamo mai stati capaci di metterci davvero insieme. Qui il limite è particolarmente evidente. Se a qualcuno non fosse chiaro, lo riassumo con quello che mi ha detto un giorno il numero due di Walmart: 'Se io volessi comprare una sola forma di Parmigiano per ognuno dei miei punti vendita in America, non troverei nessuno in grado di assicurarmi la fornitura'. Rende l'idea?".

Copyright 2019 Italiafruit News


Maicol Mercuriali
Editor - Social Media Manager
maicol@italiafruit.net

Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: