eventi
FRESKON 2020
Salonicco (Grecia)
2-4 Aprile 2020

MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
CIBUS
Parma 
11-14 Maggio 2020  
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

lunedì 16 dicembre 2019


«Competitività, regole condivise e meno barriere»

Il presidente di Cso Italy Paolo Bruni è intervenuto ieri pomeriggio a Roma alla tavola rotonda organizzata da Italia Ortofrutta unione nazionale in occasione del suo 50esimo anniversario di attività. Bruni ha affrontato il tema della competitività e delle possibili soluzioni all’impasse in cui il sistema ortofrutta Italia si è trovato in particolare in questo difficile 2019. “Sono da molti anni nel mondo dell’organizzazione e nel corso della mia carriera - ha affermato Bruni - ho potuto constatare un grande miglioramento del sistema aggregativo nel nostro Paese; tuttavia non è sufficiente e purtroppo sono i numeri a dircelo”. 

Il presidente di Cso Italy ha ricordato che la produzione nazionale di ortofrutta è prevista nel 2019 attorno ai 25 milioni di tonnellate mentre i consumi interni si aggirano intorno ai 9,2 milioni di tonnellate. 
“È evidente - ha sottolineato - l’assoluta necessità di esportare, ma lo scenario si sta via via complicando”.  
Nei primi otto mesi dell’anno, infatti, le vendite all’estero sono calate dell’1% in termini di quantità e del 7% a valore a fronte di un import cresciuto rispettivamente del 2% e del 7%. 
“Ad oggi - ha precisato Bruni - la Spagna esporta tre volte più dell’Italia. E se non riduciamo questo gap non c’è futuro per il settore”.


Paolo Bruni

Bruni ha quindi evidenziato tre temi utili a risollevare il settore. Il primo riguarda la competitività, che contempla anche le incognite relative alla logistica, ai trasporti e all’energia: “Se pensiamo che questi problemi rimasti irrisolti negli ultimi 30 anni possano trovare soluzione a breve allora siamo degli illusi ma dobbiamo affrontarli”. 
Il secondo tema è quello delle regole da condividere tra i Paesi produttori, una "questione apertissima" il cui rispetto deve essere condiviso e ottemperato da tutti i Paesi produttori. Il terzo tema, non disgiunto dal secondo, è quello delle barriere fitosanitarie, talvolta veri e propri blocchi commerciali camuffati. 

Bruni all'evento romano è intervenuto anche a nome di Federico Vecchioni, amministratore delegato di Bonifiche Ferraresi. A questo riguardo ha ricordato che Bf “offre opportunità in tema di innovazione, ricerca e agricoltura di precisione”, opportunità che, grazie anche ai progetti portati avanti con Ismea e Ibf Servizi, sono tutt’altro che secondarie per recuperare il gap accumulato dal sistema.

Fonte: Ufficio stampa Cso Italy


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: