eventi
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

Aglio spagna lunedì 2 marzo 2020


Aglio spagnolo, esportazioni favorite dall'epidemia in Cina

Le richieste di acquisto di aglio da Las Pedroñeras (Cuenca), considerata la capitale mondiale dell'aglio viola, sono aumentate tra il 20% e il 25% nelle ultime settimane a causa della chiusura delle frontiere in Cina, dovuta al Coronavirus.

Julio Bacete, presidente del National Garlic Board e capo dell'entità Coopaman, composto da sei cooperative dedicate alla commercializzazione dell'aglio, con sede a Las Pedroñeras, ha spiegato che le richieste sono aumentate tra il 20% e un 25% nel 2020.
Ha anche indicato che sono emersi nuovi clienti, soprattutto da Paesi come l'Indonesia e il Sudafrica, ma anche dall'Europa, che non possono più affidarsi al loro principale fornitore cinese, a causa della chiusura dei confini per il Coronavirus.

Julio Bacete ha ricordato che la Cina è il principale produttore al mondo e l'aglio spagnolo non può competere con quello cinese per il prezzo ma per la qualità. Bacete sottolinea inoltre un aumento dei consumi di aglio al momento della comparsa di malattie, dato che "questo prodotto è considerato un antibiotico naturale".

Da parte sua, il vice presidente dell'Associazione nazionale produttori e commercianti di aglio (Anpca) e responsabile di Ajoescar SL, Antonio Escudero, spera che nuovi Paesi possano venire a conoscenza delll'aglio spagnolo, nonostante sia rammaricato dall'attuale situazione dovuta al Coronavirus.
Escudero ha sottolineato che MessicoColombia, Ucraina, Libano e Tunisia stanno già richiedendo alcune varietà di aglio spagnolo, considerato che la Spagna è uno dei pochi Paesi a poter contare ancora oggi su un'eccedenza di prodotto. 
Nonostante le eccedenze, la Spagna non disporrà dei quantitativi sufficienti per poter soddisfare tutte le esigenze, considerato che quasi il 70 percento del prodotto dell'ultima campagna era già stato venduto a clienti storici. Inoltre, in questa situazione di totale incertezza, è prevedibile un aumento generalizzato dei prezzi.

Fonte: Valenciafruits.com


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: