eventi
MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

TUTTOFOOD
Milano 
17-20 Maggio 2021
MACFRUT DIGITAL 
Online
28-30 Settembre 2021 

leggi tutto

mercoledì 25 marzo 2020


Tetra Recart conserva gli alimenti a partire dalla carta

Può il futuro degli alimenti a lunga conservazione passare dalla carta? Ne è convinta l’azienda Tetra Pak che da anni ha sviluppato la confezione Tetra Recart ®, un imballaggio a base cellulosica ideale per conservare pomodori, verdure, fagioli, salse, zuppe ma anche pet food.



“E’ già sul mercato da diversi anni – spiega a Italiafruit Ilaria Bonucchi, Marketing Associate Food Category – e se prima era diffuso principalmente all’estero, in quei paesi dove c’è un approccio più aperto nei confronti della sostenibilità e di soluzioni innovative, gradualmente ha trovato spazio in, Europa, Stati Uniti, Giappone, e anche in Italia. E proprio nel nostro Paese, si trova l’hub produttivo mondiale di Recart® per le aziende produttrici di pomodoro”.
“E’ una soluzione di confezionamento alternativa alle classiche lattine o ai vasetti di vetro – continua -  anche perché è innovativo e sostenibile: la confezione è composta al 69% da carta certificata Fsc®, le restanti componenti sono l’alluminio che protegge il prodotto interno da luce e dall’ossigeno, e il polipropilene che dà stabilità al packaging consentendo il mantenimento dei liquidi”. 


Una confezione perfettamente sostenibile 
Il fattore di successo di Tetra Recart® è sicuramente la sua attenzione nei confronti dell’ambiente.
“La confezione impatta fino a cinque volte in meno in termini di emissioni di Co2, partendo dall’estrazione della materia prima fino allo smaltimento del packaging – sottolinea Bonucchi – Questi sono i risultati dello studio sull’ecosostenibilità dell’imballaggio che abbiamo commissionato all’istituto Ifeu specializzato nei Life Cycle Assessment (Lca) studies. In particolare, gli studiosi hanno analizzato il ciclo di vita delle confezioni per la polpa di pomodoro nei classici barattoli di vetro e lattine di alluminio a confronto con Tetra Recart®, soluzione che è uscita vincente”.
“Ovviamente la confezione può essere riciclata – continua – e questo avviene nella filiera della carta. Basta consultare il sito www.tiriciclo.it per scoprire il corretto percorso di smaltimento, variabile a seconda della zona geografica di appartenenza”.

Meno spazio, più flessibilità
Tetra Recart® si caratterizza per la sua forma squadrata, che permette di risparmiare spazio sia nel momento dei trasporti che in quello dell’allestimento sullo scaffale.
“Ha un ingombro minore ed è più leggero rispetto alle confezioni tradizionali per i cibi a lunga conservazione -  spiega la responsabile marketing – per questo motivo le confezioni di Recart® possono essere impilate una sopra l’altra senza lasciare spazi vuoti, dinamica che permette di diminuire i trasporti e quindi risparmiare le emissioni di Co2. La nostra confezione è gestita meglio anche dagli addetti al posizionamento nelle grandi catene della Gdo, in quanto garantisce uno scaffale più ordinato rispetto alle lattine o ai vasetti di vetro, oltre ad una maggiore visibilità del brand”. 



Distribuzione e utilizzo
Sono numerose e sparse in tutto il mondo le aziende che hanno deciso di adottare Recart®, comprese diverse private label a livello nazionale.
“Ad oggi Recart® è disponibile in cinque dimensioni (consultabili sul sito Tetrapak) – commentano dall’azienda – adattabili a prodotti ed esigenze di consumo e produzione. Il cliente si rivolge a noi con la sua idea di stampa e, dopo una fase di collaborazione,  nelle nostre sedi procediamo con la stampa degli astucci di carta uniti nella parte longitudinale. Sono i clienti, che devono necessariamente installare una macchina confezionatrice nel proprio stabilimento, a ultimare il processo di riempimento e trattamento termico che assicurerà la giusta shelf life al prodotto”.
“Questa confezione – aggiungono – si contraddistingue per la sua facilità d’utilizzo: è leggera, infrangibile e per aprirla non sono necessarie le forbici perché basta tirare una linguetta tratteggiata. Senza tralasciare il fatto che questo packaging offre lo spazio sufficiente per tutte le informazioni utili al consumo dei prodotti, ad esempio ricette e suggerimenti che possono essere stampati su tutti i lati. Anche il suo smaltimento è ottimizzato grazie alla forma che permette un comodo appiattimento”.
“Tramite diverse campagne di comunicazione online finalizzate alla creazione di awareness tra i consumatori - conclude Bonucchi - ci impegniamo a diffondere i molteplici vantaggi di questa confezione affinché ogni consumatore possa acquistare in modo consapevole”.

Copyright 2020 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: