eventi
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

TUTTOFOOD
Milano 
17-20 Maggio 2021
MACFRUT DIGITAL 
Online
28-30 Settembre 2021 

leggi tutto

martedì 5 maggio 2020


«Arance, Covid ha accelerato la domanda, non la crescita dei prezzi»

Il coronavirus ha accelerato le vendite, ma i prezzi delle arance sarebbero arrivati comunque sui valori delle ultime settimane. Ne è convinto Giovanni Scavo, responsabile commerciale della cooperativa Il Girasole di Paternò (Catania), realtà siciliana specializzata in arance.



"La campagna agrumicola sta vivendo un finale col botto - commenta il manager - Questa settimana collocheremo le ultime partite di Tarocco, mentre con Valencia e Ovale andremo avanti per altre 3-4 settimane. Già dall'autunno con le arance Naveline si era fiutata una stagione positiva, anche se, in quel periodo, solitamente ci scontriamo con la produzione estera che spesso e volentieri modifica le nostre previsioni. Quest'anno, invece, c'è stata poca concorrenza da Spagna e Nord Africa e l'effetto sul mercato si è visto; anzi ci siamo trovati ad anticipare la chiusura di stagione vista la richiesta crescente di prodotto".



"Certo - continua Scavo - se paragoniamo i prezzi di oggi con quelli di gennaio il confronto non regge, ma l'aumento è stato graduale e legato alla disponibilità di arance, comunque inferiore rispetto a quella dello scorso anno. Il virus ha accelerato la domanda, ma i prezzi sarebbero comunque aumentati".



Un mercato che ha sorriso agli agrumicoltori della cooperativa siciliana, che operano su circa 600 ettari dedicati tra la Piana di Catania e gli areali di Caltanissetta, per una produzione di circa 10mila tonnellate. Uno scenario positivo non solo per quotazioni e richiesta, ma anche per la qualità. "E' stata un'annata eccezionale: buona pezzatura e gusto fantastico - aggiunge Scavo - L'assenza di piogge ha portato ad avere molte meno marcescenze e perdite di giornate lavorative, una raccolta costante e arance dall'elevato grado Brix. Dal punto di vista delle quantità, con il Tarocco Meli e il Nucellare si è avuto molto meno prodotto rispetto alle previsioni, ma tutti sommato ci siamo difesi. Col Tarocco Sant'Alfio, invece, che doveva essere in raccolta a maggio la produzione è praticamente azzerata: gli agrumi non hanno fruttificato a causa dei venti di Scirocco della scorsa primavera".



Praticamente chiusa la campagna agrumicola, la Cooperativa Il Girasole ora si prepara a lavorare la frutta estiva: albicocche, pere Coscia, ma soprattutto pesche tardive da fine agosto alla prima settimana di ottobre.

Copyright 2020 Italiafruit News


Maicol Mercuriali
Editor - Social Media Manager
maicol@italiafruit.net

Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: