eventi
FRUIT ATTRACTION 2020
Online
1-31 Ottobre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

TUTTOFOOD
Milano 
17-20 Maggio 2021
MACFRUT DIGITAL 
Online
28-30 Settembre 2021 

leggi tutto

giovedì 18 giugno 2020


Verona, al via la stagione dei piccoli frutti

Dopo le fragole, le ciliegie e le pesche, è partita anche la raccolta dei piccoli frutti e in particolare delle more. Per ora solo quelle sotto tunnel, perché quelle a campo aperto, a causa delle piogge continue, sono in ritardo con la maturazione.

“La stagione è partita con il piede giusto”, spiega Damiano Valerio (in foto sotto), azienda agricola a Raldon, della sezione frutticoltori di Confagricoltura Verona e vicepresidente dell’Associazione fragolicoltori della pianura veronese. 



I frutti sono sani e belli, come le fragole. È arrivata la manodopera dall’Est europeo e quindi stiamo raccogliendo a pieno ritmo, anche se comunque io ho mantenuto nella mia squadra anche sei italiani, perlopiù camerieri che hanno perso il lavoro a causa dell’emergenza Covid. Le more stanno avendo una buona richiesta: le mandiamo soprattutto in Trentino e Alto Adige, dove il consumo è molto alto. Tra un mese partiremo con i mirtilli e vedremo come andrà. Ci auguriamo che sia come con le fragole, che in questo momento ci vengono pagate 3,50 euro al chilo. Un prezzo buono dovuto al fatto che quest’anno non abbiamo concorrenza straniera: la Germania e il Belgio, che l’anno scorso avevano esportato molto prodotto in Italia, quest’anno ne hanno poco e lo vendono per il consumo interno. Quindi sul mercato nostrano ci sono solo fragole veronesi e di montagna. E così dovrebbe essere sempre, sia per motivi di freschezza che di qualità”.



Dettagliata l’analisi di Matteo Scandola, consigliere e socio fondatore del consorzio di produttori Aurora Fruit, che riunisce 25 produttori di piccoli frutti (fragole, lamponi, mirtilli, more, ribes rosso, ciliegie) per un totale di 150 ettari tra provincia di Verona e Trentino e 2,5 milioni di chili commercializzati in Italia e all’estero: “La situazione è stata drammatica per le raccolte a causa del Coronavirus – spiega - Ci siamo arrangiati con personale italiano, ma non potendo contare sull’abituale manodopera specializzata abbiamo subito costi pari al 20 per cento in più. Ora stiamo uscendo dell’emergenza e siamo contenti perché il mercato sta rispondendo bene con l’assorbimento del prodotto, soprattutto sul fronte dei supermercati dove le vendite sono stabili grazie ai favori del consumatore, che apprezza sempre di più questi piccoli frutti consigliati dai dietologi e dai medici. La concorrenza straniera c’è: tanta Spagna, a prezzi bassi, come sempre. Ma anche loro hanno avuto problemi con la chiusura delle frontiere e comunque per noi la concorrenza è stimolante, perché ci spinge a fare ricerca con il nostro reparto tecnico sulle nuove varietà e ad essere sempre più professionali. Molto dobbiamo a Ilario Ioriatti, che ha inventato il mercato dei piccoli frutti in Italia ed è stato direttore dell’associazione trentina Sant’Orsola”.

Ilario Ioriatti, figura di riferimento e memoria storica del settore, ha visto e vissuto l’evoluzione dei piccoli frutti nella provincia di Trento e oggi è a capo di Berry Verona, azienda leader nel settore che coltiva e vende piante di oltre 2 anni di lamponi, more, mirtilli, fragole e ribes a vivaisti, aziende agricole e privati: “Vendiamo annualmente 500.000 piante in tutta Italia – spiega - I piccoli frutti sono prodotti che hanno un trend di consumo tra i più elevati al mondo, basti dire che negli Usa i mirtilli sono il primo frutto in classifica e che l’Inghilterra sta seguendo la scia. Verona sta crescendo, conquistando terreno con la coltivazione sotto tunnel come con le fragole, e si è posizionata in una buona finestra produttiva in giugno, cioè quando i piccoli frutti sono finiti al Sud e non è ancora iniziata la raccolta nel Nord Europa”.

La superficie dei piccoli frutti nel Veronese è passata dai 119 ettari del 2015 ai circa 200 attuali. I prezzi pagati ai produttori sono buoni: le more viaggiano su 4 euro al chilo. Si vedrà se i mirtilli manterranno il buon trend dello scorso anno, quando arrivarono a toccare i 7 euro al chilo.

Fonte: Ufficio stampa Confagricoltura Verona


Altri articoli che potrebbero interessarti: