eventi
THINK FRESH
7 Settembre 2020
MACFRUT  DIGITAL
8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

Zuccherissima Bonsai martedì 30 giugno 2020


Zuccherissima, la zucca si fa Bonsai

Ha fatto il suo debutto ieri in alcuni mercati all'ingrosso Zuccherissima Bonsai, l'ultima novità di casa Fornari, azienda di Asola (Mantova) con una forte specializzazione in zucche.



Si tratta di un ortaggio coltivato in verticale con sistema idroponico, dal peso ridotto (poco più di 500 grammi) ma con le stesse caratteristiche gustative di Zuccherissima, il brand con cui l'impresa lombarda contraddistingue le sue Delica di alta qualità.



"Zuccherissima Bonsai è un prodotto pensato per la ristorazione di livello - spiega a Italiafruit News Damiano Fornari, responsabile commerciale dell'azienda - E' utilizzata come un originale contenitore per altre pietanze: la piccola zucca viene aperta nella sommità, scavata e poi può contenere risotti, paste, caponata... E' come una piccola pentola edibile. La forma ridotta cattura l'attenzione, la rende protagonista di presentazioni caratteristiche, ma il gusto non passa in secondo piano: la grana è uno spettacolo, la dolcezza è quella di una Zuccherissima. Cambia solo la dimensione".



Le Zuccherissima Bonsai sono state coltivate nel Centro sperimentale dell'Azienda Fornari in una struttura coperta. "Le abbiamo raccolte a maggio - aggiunge il manager - poi, una volta staccate, le abbiamo fatte maturare e ora sono pronte per essere vendute".



"La prova di coltivazione in idroponica e in verticale credo sia unica in Europa e forse nel mondo: il prodotto rimane sano, cresce senza l'impiego di agrofarmaci, e - conclude Damiano Fornari - da un punto di vista gustativo sono eccellenti".

Copyright 2020 Italiafruit News


Maicol Mercuriali
Editor - Social Media Manager
maicol@italiafruit.net

Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: