eventi
THINK FRESH
7 Settembre 2020
MACFRUT  DIGITAL
8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

lunedì 6 luglio 2020


Un fungicida naturale dal triplice meccanismo d'azione

Taegro, il nuovo fungicida biologico di origine naturale di Syngenta, sta incontrando il favore degli agricoltori, grazie alla sua azione ad ampio spettro e al breve intervallo di sicurezza (solo 4 ore). 

Qual è il segreto di questo successo? Si chiama Fzb24. Questa sigla, infatti, identifica un ceppo specifico di Bacillus amyloliquefaciens una specie di batteri conosciuta da diversi anni in ambito fitopatologico per la sua azione atta a contrastare importanti malattie fungine. Proprio il ceppo Fzb24, scelto dopo anni di studi dai ricercatori di Syngenta, presenta alcune caratteristiche uniche, che lo rendono particolarmente selettivo nei confronti di un ampio spettro di funghi patogeni e soprattutto la sua efficacia è da attribuire ad un triplice meccanismo d’azione. 

Il primo meccanismo è di tipo fisico. Infatti, appena le spore del ceppo Fzb24 giungono sull’organo vegetale, proseguono il processo germinativo creando lunghe catene cellulari. In questo modo, dopo pochi giorni dal trattamento l’intera superficie è occupata da Taegro, che impedisce ai microrganismi patogeni di insediarsi. 

La seconda modalità d’azione è il rilascio attivo di metaboliti estremamente specifici, ad azione biocida, da parte del ceppo Fzb24. Il batterio inibisce direttamente lo sviluppo dei patogeni tramite la produzione di oltre 15 sostanze ad azione batteriostatica o fungistatica, prevalentemente Lipopeptidi (surfattina, iturina, fengicina, bacillibactina, bacilysina) e Polichetidi (bacillene, difficidina, macrolattina). Questi composti sono noti per la loro attività sopressoria verso batteri e funghi antagonisti delle piante coltivate.

Infine, Taegro, attivando il sistema di resistenza acquisita (Sar), stimola i meccanismi di autodifesa interna della pianta stessa: in risposta alla presenza del batterio la pianta riesce a difendersi dall’eventuale aggressione di microrganismi patogeni.

Questo tridente d’attacco, del tutto naturale, è necessario per la protezione di colture molto importanti per il panorama ortofrutticolo nazionale quali vite, insalate, cucurbitacee e solanacee, da malattie fungine estremamente dannose come come Botrite, Oidio, Alternaria, Bremia e Sclerotinia.

Per saperne di più è possibile visitare la pagina prodotto https://www.syngenta.it/taegro o mettersi alla prova nella protezione delle colture con il videogioco dedicato a Taegro, disponibile al seguente indirizzo: https://www.syngenta.it/videogioco-taegro

Copyright 2020 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: