eventi
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

giovedì 23 luglio 2020


Ciliegie, se assunte dopo cena attivano la melatonina

A tutti noi piace mangiare una ciliegia dietro l’altra in estate: questo frutto rosso è una grande miscela di sapori dolci con un pizzico di acidità e aggiunge il perfetto tocco di colore ai nostri dessert. Le ciliegie, infatti, possono essere consumate crude o utilizzate in una varietà di ricette come torte, crostate e cheesecake (ecco come preparare una ottima marmellata di ciliegie senza commettere errori) e sono un condimento ottimo da accompagnare ad una ciotola di yogurt o una porzione di cereali per la colazione.

Oltre ad essere deliziose, però, le ciliegie sono anche molto salutari e i benefici che apportano al nostro organismo sono notevoli. Intanto hanno un basso indice glicemico, dunque sono adatte ad essere consumate anche da chi soffre o è a rischio diabete.

Inoltre agevolano la perdita di peso poiché le calorie sono estremamente ridotte e stimolano il metabolismo grazie all’elevata concentrazione di vitamine oltre che al moderato contenuto di acqua che favorisce l’eliminazione delle tossine dal corpo.

Sono poi ricche di potassio e oltre a regolare la pressione, contribuiscono ad eliminare il sodio in eccesso, responsabile della ritenzione idrica. Senza contare l’importante ruolo svolto dagli antiossidanti come le antocianine che aiutano a combattere il colesterolo e tenere a bada le patologie cardiache.

Chi soffre di insonnia, infine, sarà estremamente contento di sapere che le ciliegie contengono anche una buona percentuale di melatonina: questo ormone viene secreto dalla ghiandola pineale e ha il compito di regolare il ritmo circadiano sonno-veglia (ti svegli di notte sempre alla stessa ora? Non è un caso, ecco cosa significa).
Fondamentale per riposare serenamente durante la notte, la melatonina, infatti, può essere attivata grazie all’assunzione di succo di ciliegie poco prima di andare a dormire.

Fonte: Supereva.it


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: