eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
30 giugno-1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

martedì 8 settembre 2020


Nasce il software per mappare le sementi

L’innovazione digitale scende in campo a favore delle produzioni agricole di qualità. Assosementi, l’Associazione che riunisce le aziende sementiere italiane, presenta a Macfrut Digital che inizia oggi il progetto “Mappatura delle Sementi”: grazie a un software che verifica la distanza fra le coltivazioni, i moltiplicatori di sementi possono escludere eventuali inquinamenti genetici fra le colture.

La purezza genetica di un seme è uno dei parametri principali che ne determina la qualità e per garantirla è necessario prevedere un isolamento spaziale per evitare contaminazioni indesiderate. La verifica delle distanze fra le coltivazioni sementiere, soprattutto per le specie a impollinazione incrociata, è quindi indispensabile. Con il suo progetto, Assosementi mette a disposizione un software che consente la mappatura delle colture da seme attraverso la georeferenziazione degli appezzamenti. Il programma, oltre a consentire in tempo reale il rilevamento delle possibili interferenze fra le diverse coltivazioni, permette una gestione delle successioni colturali nel tempo favorendo l’attuazione di corrette rotazioni agronomiche

“Si tratta di un esempio di gestione partecipata del territorio sviluppato con il supporto della Regione Emilia-Romagna che dal punto di vista tecnico può essere esteso all’intero territorio nazionale – ha dichiarato Roberto Morelato, Presidente Sezione Ortive Assosementi. Per offrire tutte le garanzie necessarie, il programma deve però fare riferimento ad un impianto normativo che assicuri il trasferimento sul territorio delle informazioni fornite dal programma. In Emilia-Romagna, così come nelle Marche ed in Umbria, da anni possiamo contare su norme ad hoc che valorizzano il territorio e le produzioni sementiere. Visto che le produzioni sementiere si effettuano praticamente su tutto il territorio nazionale, auspichiamo che anche in altre regioni, o meglio, su tutto il territorio nazionale, presto possano essere adottati analoghi dispositivi normativi per qualificare ulteriormente le sementi italiane nel Mondo. Sono oltre 235.000 gli ettari dedicati destinati alla moltiplicazione delle sementi agrarie e ortive in Italia, la seconda superficie per estensione a livello europeo. Il nostro Paese è storicamente tra i leader mondiali di questo settore, perché in grado di garantire prodotti di grande qualità. Con questo progetto i produttori possono contare anche sulla tecnologia digitale come preziosa alleata”.

Per quanto riguarda le sementi orticole, un’indagine condotta da Assosementi tra le proprie aderenti per l’anno 2018 evidenzia che la produzione delle sementi orticole ha interessato circa 13.000 ettari, mentre se si considerano anche le specie aromatiche, la superficie ha superato complessivamente i 19.000 ettari. A livello di specie, le principali colture da seme in Italia si confermano cicoria/radicchio, ravanello e cipolla. A livello territoriale, Emilia-Romagna, Marche e Puglia si confermano le regioni leader nel panorama sementiero orticolo della moltiplicazione.

Assosementi (Associazione Italiana Sementi) rappresenta a livello nazionale il settore sementiero: costitutori di varietà vegetali, aziende produttrici di sementi e aziende distributrici di sementi in esclusiva. Assosementi aderisce a Esa (European Seed Association), l’Associazione sementiera europea, e a ISF (International Seed Federation), la Federazione internazionale delle sementi.

Fonte: Ufficio stampa Assosementi 


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: