eventi
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

TUTTOFOOD
Milano 
17-20 Maggio 2021
MACFRUT DIGITAL 
Online
28-30 Settembre 2021 

leggi tutto

Tomato brown rugose fruit virus venerdì 2 ottobre 2020


Tomato brown rugose fruit virus, svolta epocale

Enza Zaden annuncia di aver individuato il gene che conferisce al pomodoro un'elevata resistenza al Tomato Brown Rugose Fruit Virus (ToBRFV) e i breeders della ditta sementiera sono al lavoro per sviluppare varietà resistenti e immetterle nel mercato a stretto giro.

Si tratta di una svolta epocale nel contrasto al devastante virus, comparso per la prima volta in Israele nel 2014 e arrivato lo scorso anno anche in Sicilia. I ricercatori di Enza Zaden ritengono che questo gene sia diverso da tutti gli altri attualmente conosciuti in questo ambito e che offra una "elevata resistenza" a ToBRFV.



"Sappiamo che c'è molto in palio per i nostri clienti. È per questo che la nostra azienda ha fatto di tutto per trovare una soluzione - commenta Sergio de la Fuente van Bentem, fitopatologo ricercatore alla Enza Zaden - Ora che abbiamo trovato la risposta, continuiamo a lavorare sodo per sviluppare varietà di pomodoro che abbiano un'elevata resistenza a ToBRFV. Ci aspettiamo di averle pronte nei prossimi anni".

Il fitopatologo spiega che l'approccio di Enza Zaden è stato quello di fare uno screening per nuovi geni di resistenza nel proprio germoplasma di pomodori selvatici - un'ingente collezione di semi di consanguinei del pomodoro selvatico che siano incrociabili con il normale pomodoro coltivato. "È come cercare un ago nel pagliaio, ma abbiamo identificato un gene che conferisce un'elevata resistenza contro ToBRFV".




ToBRFV si diffonde facilmente per trasmissione meccanica e ha un periodo di incubazione da due a tre settimane prima che si osservino i sintomi sulle piante e sui frutti, e questo rende la battaglia in salita per contenere una diffusione localizzata una volta che inizia.

Kees Könst, direttore della ricerca sul pomodoro di Enza Zaden, racconta di quando il team di Enza Zaden ha sentito parlare per la prima volta di ToBRFV dai suoi rappresentanti di vendita nel Medio Oriente nel 2014: la loro conoscenza di altri tobamovirus come tomato mosaic virus (ToMV) e tobacco mosaic virus (TMV) dava un'indicazione di quanto sarebbe successo. "Lo abbiamo analizzato e, sapendo che si trattava di un tobamo e che quindi si diffonde meccanicamente, abbiamo capito che avrebbe viaggiato in tutto il mondo," dice.



Con l'elevata resistenza (High Resistant - HR), le piante di pomodoro testate presso i laboratori di ricerca di Enza Zaden - spiega la multinazionale in una nota - non hanno mostrato alcun sintomo da ToBRFV.

Copyright 2020 Italiafruit News


Maicol Mercuriali
Editor - Social Media Manager
maicol@italiafruit.net

Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: