eventi
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

giovedì 21 gennaio 2021


Siamo merce di scambio

Questo giro l'asta a doppio ribasso - l'ennesima - rischia di farla la politica. Siamo nel bel mezzo di una pandemia e di una crisi di governo, è vero, ma ci sarebbe un ministro dell'agricoltura da sostituire e, per un Paese che si vanta tanto della sua produzione agroalimentare, la questione non dico che debba essere considerata vitale, ma almeno finire nell'agenda di Conte sì. Perché la politica dovrebbe avvertire l'urgenza di quella nomina e di dare al dicastero una guida competente, mentre l'impressione è che via XX Settembre resti una semplice casella da riempire, un incastro per reggere in piedi una traballante maggioranza.



Lo scorso anno ce lo siamo ripetuti tante volte: l'agroalimentare resiliente, il settore primario motore del Paese, i produttori che hanno fornito cibo alla nazione... Avevamo fior fior di motivi per rivendicare un ruolo nell'economia e nella società italiana. Invece oggi ci ritroviamo ad essere merce di scambio: dell'agricoltura, diciamocelo francamente, alla politica non frega nulla e un ministero chiave per il futuro dell'Italia potrebbe essere addirittura affidato al senatore ritardatario, che ha portato il Var a Palazzo Madama, quel Lello Ciampolillo (il terzo a destra nella foto di apertura, dopo il premier Giuseppe Conte e l'ex ministra Teresa Bellanova) balzato agli onori delle cronache per aver salvato il governo sul filo di lana.



Il Mipaaf avrebbe bisogno di una figura politicamente forte e competente, affiancata da sottosegretari operativi in contatto con le filiere agroalimentari e capaci di rispondere alle esigenze e alle emergenze. Pensiamo all'ortofrutta: tra calamità naturali, crisi di mercato, barriere all'esportazione, insetti alieni - e chi più ne ha più ne metta - i problemi da affrontare formano una lunga lista. Ma di dossier aperti a Roma non ce ne sono. E qui parliamo solo delle disgrazie, mentre l'ortofrutta (così come l'agroalimentare) dovrebbe pensare anche al futuro. Però una politica aggrappata al presente non ha altre strategie che la sopravvivenza. A tutti i costi.

Copyright 2021 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: