eventi
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

martedì 2 marzo 2021


Ecco l'eredità lasciata dal Covid sull'agroalimentare

La spesa per consumi domestici di prodotti alimentari e` una delle poche variabili sulle quali l’emergenza Covid ha avuto un impatto positivo. Anche l'ortofrutta ha chiuso l'anno con il segno più (clicca qui per leggere l'approndimento), ma il risultato - come ricorda Ismea nel suo ultimo ReportCovid-19 - è figlio di mutamenti della società, delle abitudini di acquisto, di un fenomeno mai visto prima e totalmente imprevedebile.

Un fenomeno, la pandemia, che non è ancora passato ma che già ci sta lasciando un'eredità, che il settore agroalimentare si porterà dietro dopo un anno difficile ma, come sottolinea Ismea, "che tuttavia ha avuto il merito di riportare il tema dell'approvvigionamento alimentare tra le priorità strategiche, riattribuendo, allo stesso tempo, dignità e attenzione all'agricoltura, troppo spesso ancora relegata ai margini del sistema produttivo e considerato da molti ancora sinonimo di arretratezza".




Ismea riassume in otto punti le eredità che il coronavirus lascia al comparto agroalimentare, tendenze che anche l'ortofrutta ha vissuto - e sta vivendo - sulla propria pelle.

1) Dal globale al locale. Locale inteso come il negozio di vicinato, come il mercato rionale – contadino o meno – di quartiere, come le aziende agricole e anche quelle di trasformazione situate a una distanza ragionevole e orientate ai “prodotti del territorio” o, infine, al prodotto totalmente made in Italy. La pandemia ha accelerato quel processo di “deglobalizzazione” in atto da qualche tempo. Il problema e` che questo e` avvenuto non solo in Italia.

2) Food delivery. Quella che era la mania emergente di qualche pigro teenager, spesso finalizzata a mangiare, a parte l’immancabile pizza, cibi esotici come il sushi, nel giro di pochi mesi e` divenuto un rilevante canale di distribuzione, un’ancora di salvataggio cui aggrapparsi per una ristorazione a rischio default e per le aziende agricole orientate all’agriturismo.

3) Consumo etico vs. consumo conveniente. E` indiscusso che il grado di consapevolezza dei consumatori, soprattutto i piu` giovani, relativamente alle questioni etiche e di sostenibilita` ambientale e` crescente e sempre piu` rilevante nelle decisioni d’acquisto. D’altro lato, la crisi economica innescata dalla pandemia da Covid-19 lascera` strascichi rilevanti in termini di riduzione della capacita` di acquisto di una parte importante di popolazione. Su questo labile confine si giochera` una partita importante per il futuro sviluppo dei consumi agroalimentari.

4) Homeworking. Che sia smart o meno e` ormai diffusa l’idea che non si tornera` indietro, almeno non del tutto. Molti lavoratori avranno la possibilita` di organizzare con piu` flessibilita` il lavoro, limitando la presenza in ufficio, organizzando le attivita` da casa. L’organizzazione dei pasti piu` frequenti a casa potra` guidare una fetta consistente degli acquisti domestici alimentari del futuro.

5) Cibo e salute. Dallo scoppio della pandemia a oggi, il rapporto con il cibo e` cambiato e diventato piu` stretto oltre che multidimensionale. Per un verso, il cibo e` stata una delle vie per cercare di mantenere la salute: il boom degli acquisti di arance nell’inverno 2020 ne e` uno degli indicatori piu` evidenti. Nella rarefazione delle relazioni sociali e nelle difficolta` psicofisiche di questi mesi si e` anche amplificato il ruolo del cibo come fornitore di piacere, consentendo anche qualche piccolo deragliamento dal “percorso salutista”.

6) Siamo tutti chef. Il trascorrere delle settimane ha modificato l’atteggiamento dei consumatori nei confronti del cibo: a fronte di un graduale ridimensionamento di interesse per i prodotti “alternativi al fresco” (surgelati e scatolame) e per i prodotti da “scorta dispensa” (latte Uht, pasta, passate di pomodoro), il paniere “cuochi a casa” (uova, farina, lievito, burro, zucchero, olioextravergine d’oliva) e` quello che ha mostrato la maggior tenuta in terreno positivo.

7) Grandi citta` vs. piccoli centri. Qualcuno lo ha definito south-working ma e` possibile che sia un fenomeno ancora piu` ampio. Il lavoro da casa ha riconnesso molti al proprio luogo d’origine o al proprio luogo del cuore dove si possiede una seconda casa. Fatto sta che le vendite di prodotti agroalimentari nei negozi situati in aree a bassa urbanizzazione sono cresciute piu` incisivamente (+6,7%) rispetto a quelle delle citta` (+0,3%).

8) La transizione digitale. Pur rimanendo ancora un settore nel complesso scarsamente propenso all’innovazione, questo anno contrassegnato dalla diffusione del Covid-19, ha indotto grandi passi avanti in termini organizzativi e di avvicinamento agli strumenti digitali anche da parte di tantissime imprese agricole.

Copyright 2021 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: