eventi
TSW 2020
Varsavia (Polonia)
15-16 Gennaio 2020

FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

lunedì 11 novembre 2019


E la chiamano pure spesa intelligente

La chiamano “la spesa intelligente”. Per fortuna che il “weekend di follia”, tanto per usare le parole dello spot pubblicitario, è ormai alle spalle. Perché di intelligente, nel vendere clementine italiane a 79 centesimi il chilo, non c'è poi molto. O, almeno, di opportuno. Soprattutto in questa campagna commerciale, partita in ritardo e dove il prodotto made in Italy non abbonda.

Eurospin, sia chiaro, non è stata l'unica catena a proporre questi agrumi sotto l'euro il chilo: tra le varie insegne della Gdo si è infatti aperta una sorta di guerra dello sconto focalizzata su questo prodotto (clicca qui per leggere l'articolo), una corsa al ribasso pagata – ma anche permessa - dai produttori. Anche qui occorre fare chiarezza: la produzione ha grandi responsabilità su ciò che sta accadendo ed è quantomai evidente come un'offerta più aggregata avrebbe impedito uno scenario del genere, che fa doppiamente male perché finisce per svilire il prodotto stesso.



Vogliamo poi parlare del messaggio che arriva al consumatore? Lo scorso fine settimana ero in auto, quando su RadioRai prima è passata la pubblicità delle clementine Percorso Qualità di Conad a 0,99 e pochi secondo dopo quella di Eurospin con i frutti a 0,79. Vallo a spiegare che quello dovrebbe essere il prezzo che andrebbe corrisposto al produttore perché il suo lavoro sia remunerativo.

Queste promozione così spinte, ci confermano però come l'offerta ortofrutticola sia una formidabile calamita per il consumatore, tanto da portare le catene distributive a investire in campagne pubblicitarie su emittenti nazionali per promuovere clementine vendute a pochi centesimi il chilo. E alla fine è drammatico che - conti alla mano - questo genere di iniziative non siano poi in grado di produrre il ben che minimo incremento dei consumi complessivi di frutta, mentre drenano così tanto valore.

Essere intelligenti costa poco, dice sempre Eurospin in un suo spot. Ebbene, non sarebbe male far seguire agli slogan i fatti e a riconoscere all'ortofrutta il valore che ha e che merita.

Copyright 2019 Italiafruit News


Maicol Mercuriali
Editor - Social Media Manager
maicol@italiafruit.net

Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: