eventi
FRUIT ATTRACTION 2020
Online
1-31 Ottobre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

TUTTOFOOD
Milano 
17-20 Maggio 2021
MACFRUT DIGITAL 
Online
28-30 Settembre 2021 

leggi tutto

mercoledì 22 luglio 2020


«Troppi alti e bassi per il melone italiano»

Troppi alti e bassi: al melone servirebbe più linearità e per raggiungere l'obiettivo è indispensabile coinvolgere tutta la filiera, Gdo compresa. La pensa così Pietro Ciardiello, direttore di Coop Sole, che si esprime nel cuore di una stagione dalle mille sfaccettature per uno dei frutti estivi per antonomasia. "Dopo un maggio positivo, un giugno iniziato male che si è poi in parte ripreso e un luglio con luci ed ombre, in questi giorni registriamo segnali positivi, ma siamo reduci da una settimana pesante", spiega Ciardiello. 



"Basta poco per cambiare l'intonazione del mercato: il maltempo che incide sui consumi, qualche iniziativa promozionale aggressiva in Gdo, il fattore gusto, non sempre al top. Ecco, dobbiamo lavorare per standardizzare la qualità, fare più comunicazione e informazione, creare un sistema più coeso lavorando su ricerca, sulla parte tecnica e sulla commercializzazione. Un percorso da sviluppare insieme alle catene della grande distribuzione dove, a volte, si registrano situazioni commerciali difficili da comprendere". 



Ciardiello (al centro nella foto sopra) tiene a precisare che il sistema-melone, in questi anni, ha fatto importanti passi avanti: "L'offerta è migliorata sotto tutti gli aspetti, compreso quello della salubrità. Ma ancora non basta e ci sono margini di crescita notevoli. Bisogna organizzare meglio la filiera anche per il prodotto biologico le cui vendite sono ancora esigue. E lavorare per arrivare a un melone facilmente identificabile da parte del consumatore, con garanzia di salubrità, qualità, gusto". Insomma, aggiunge il direttore di Coop Sole, "ci sono ancora troppe variabili e ciò proietta il comparto sulle montagne russe".



Dal punto di vista produttivo, la cooperativa ritiene di poter raggiungere l'obiettivo dei 50mila quintali fissato a inizio stagione; il biologico vale il 10-15% della produzione "ma sicuramente  - conclude Ciardiello - si potrebbe fare di più, molto di più, il retato italiano bio può diventare protagonista assoluto non solo sul mercato nazionale".

Copyright 2020 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: