eventi
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

martedì 4 agosto 2020


Mele bio, Brio stinge una nuova alleanza con Lagnasco

La campagna 2020 delle mele biologiche di Brio, realtà specializzata nella produzione e commercializzazione di ortofrutta biologica fresca, è ai nastri di partenza. Si comincia dalla prima settimana di agosto con le produzioni di pianura della Romagna e del veronese e si prosegue, con le varietà trentine della Cooperativa Mezzacorona e, per la prima volta, grazie a un importante accordo di commercializzazione, con le mele piemontesi prodotte da Lagnasco Group, cooperativa di riferimento per il territorio.

“Il nostro obiettivo - spiega Mauro Laghi, responsabile commerciale di Brio Spa - è quello di essere un punto di riferimento costante per chi si rivolge a noi. La stagione si apre con le nostre prime Gala, una varietà estiva che viene raccolta dai nostri soci nella pianura romagnola e nel veronese, zone particolarmente vocate per queste varietà. A queste faranno seguito, grazie alla collaborazione con i nostri partner, le varietà della Cooperativa Mezzacorona, le cui mele da quest’anno si possono fregiare anche dell’Igp Mele del Trentino. A metà ottobre, infine, comincerà la raccolta della varietà Story Inored, una mela nata dall’incrocio multiplo di varietà resistenti alle variazioni climatiche e alle principali fitopatie che la rendono particolarmente adatta per la coltivazione nell’ambito del disciplinare biologico”.

La grande novità per la stagione 2020 è rappresentata dalla presenza, fra le referenze a marchio Brio, delle mele piemontesi prodotte da Lagnasco Group, cooperativa cuneese con una lunga storia di produzioni di eccellenza: “Abbiamo stretto un importante accordo di commercializzazione per le produzioni biologiche di Lagnasco Group - commenta Laghi -: si tratta di un tassello essenziale per la nostra strategia che punta a garantire al cliente un’offerta completa lungo tutta la finestra commerciale della campagna melicola”.


 Mauro Laghi

“Siamo convinti che per andare lontano sia necessario collaborare, mettendo in comune i punti di forza per essere sempre più performanti sul mercato - commenta Simone Bernardi, amministratore delegato di Lagnasco Group - Con Brio è nata una sintonia immediata: condividiamo con la realtà di Zevio la filosofia della trasparenza, della qualità e dell’attenzione al bene comune e sono convinto che questa collaborazione porterà frutti importanti. Abbiamo accettato con entusiasmo la proposta arrivata da Brio e stiamo rispondendo con tutta la nostra passione e professionalità: la creazione di network virtuosi, ne sono convinto, è la strada maestra per costruire un nuovo approccio all’ortofrutta che sappia rispondere alle sfide di un mercato in costante evoluzione”. 

Va in questa direzione anche l’accordo fra Agrintesa, cooperativa di riferimento per Brio, e la Cooperativa Mezzacorona: “Si tratta di una partnership consolidata - spiega Cristian Moretti, Direttore generale di Agrintesa - La realtà trentina ha affidato la gestione della propria produzione biologica ad Agrintesa scegliendo di avvalersi delle nostre strutture specializzate per la gestione delle referenze bio per la lavorazione e il confezionamento che avvengono nella nostra struttura di Zevio, alimentata anche mediante energie rinnovabili, e affidando Il fronte commerciale a Brio. Un accordo che premia la grande attenzione che abbiamo dato, negli ultimi anni, alle produzioni biologiche, incentivando presso i nostri soci la conversione degli impianti e l’avvio di nuove coltivazioni: oggi, possiamo contare su una produzione qualitativamente eccellente che copre dalle varietà precoci di pianura a quelle prevenienti dagli areali trentini. A questa produzione se ne affianca anche una, in crescita, di mele coltivate con metodi di agricoltura biodinamica certificate Demeter”. 

“I nostri clienti - aggiunge Laghi - sanno di poter trovare in Brio una gamma completa di prodotto lungo tutta la finestra commerciale delle diverse varietà, quantità consistenti a soddisfare qualunque tipo di ordine e prezzi competitivi sul mercato. Il tutto, naturalmente, mantenendo la qualità ai massimi livelli. L’obiettivo, come anticipato, è quello di essere per il cliente un punto di riferimento unico e affidabile, sollevandolo dal disagio di dover ricorrere a diversi fornitori, sprecando tempo e costi”. 

Novità, infine, anche sul fronte del packaging: “Da quest’anno - conclude Laghi - utilizzeremo per i nostri pack un impianto Blitzmatic+ dell’azienda Frutmac: i nostri pack saranno costituiti da un vassoio di carta 100% plastic free. Si tratta di una scelta in linea con l’attenzione alla sostenibilità ambientale che caratterizza tutte le nostre produzioni”.

Fonte: Ufficio Stampa Brio


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: