eventi
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

mercoledì 3 febbraio 2021


Vi spiego perché il 2021 sarà un anno complicato in Spagna

Pandemia, Brexit, concorrenza estera e protocolli sempre più esigenti sono solo alcune delle sfide poste al settore ortofrutticolo per questo nuovo anno. Ma come superarle?

Intervistato dalla testata online revistamercados.com, il ceo di Anecoop Joan Mir ha riportato la sua personale visione del futuro, sostenendo che sia troppo presto parlare di una ‘nuova normalità’.

“Dobbiamo continuare a lavorare come prima – ha sottolineato il direttore generale della cooperativa - rispettando scrupolosamente le misure di igiene e sicurezza che garantiscono la salute degli agricoltori e lavoratori lungo tutta la catena del valore, oltre ad offrire al mercato frutta e verdura di qualità, fresca e sicura per il consumatore”.

Il settore deve farsi trovare preparato perché “sono molti i problemi all’orizzonte” specifica il manager. Tra questi i danni collaterali causati dalla Brexit, le complesse relazioni commerciali con Stati Uniti e Russia e una domanda “irregolare”, che rende difficile pianificare le campagne come si è sempre fatto.



“La tendenza crescente in Europa verso il consumo di prodotti locali non ci favorisce”, sottolinea Mir. Senza dimenticare la concorrenza estera: “è aggravata da un problema strutturale di lunga data come la mancanza di reciprocità tra Unione Europea (Ue) e Paesi terzi”.
C’è poi la doppia medaglia del Green Pact: se da un lato porterà a benefici per il settore, dall’altro “la tendenza crescente al consumo di prodotti locali non favorirà gli scambi commerciali all’interno dei Paesi europei”.



Come prepararsi ad affrontare le difficoltà? Secondo il Ceo di Anecoop, le aziende devono puntare sulla propria capacità di gestione e innovazione, che gli permetta di offrire un servizio efficiente. “Unendo le forze – dice – possiamo organizzarci come settore in Spagna e in Europa. Passaggio nel quale il sostegno istituzionale sarà fondamentale”.
Fra i processi di cambiamento già iniziati dalle aziende spagnole, e in generale del settore, c’è una fortissima capacità di resilienza. “Le aziende sono abituate a gestire con rapidità i cambiamenti delle condizioni di mercato e ad instaurare e garantire il rispetto dei protocolli più esigenti – commenta Mir - abbiamo saputo resistere e abbiamo continuato a rifornire i mercati; ora dobbiamo continuare su questa linea”.

Copyright 2021 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: