eventi
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

giovedì 25 febbraio 2021


Brio cresce con innovazione e fattore «G»

Un inizio d'anno scoppiettante, con incrementi di vendite a doppia cifra, dopo un 2020 che si è chiuso con un aumento di fatturato del 10% circa: Brio cavalca la domanda di salutismo e di sostenibilità per crescere con prodotti caratterizzati da innovazione e attenzione al "fattore G", il green.
 


"La scorsa primavera le vendite di biologico sono lievitate moltissimo - racconta a Italiafruit News il presidente Gianni Amidei (foto sopra) - dopo di che a causa delle gelate i volumi di ortofrutta bio disponibile si sono ridotti, rendendo difficile soddisfare la la domanda e frenando la corsa nella fase estiva e autunnale. Il mercato tuttavia è cresciuto e lo ha fatto anche la produzione, anche se non sempre in maniera omogenea perché il bio richiede attenzioni e competenze particolari".
 
In termini economici e numerici la controllata Brio France ha rispecchiato l'andamento della "casa madre", mentre Biologica 2006, con la sua piattaforma logistica di Pomezia, ha risentito delle limitazioni imposta all'Horeca e in particolare alla ristorazione collettiva.


"Il 2021 è iniziato positivamente in linea con i mesi precedenti, abbiamo inserito nel paniere in maniera stabile il kiwi giallo con un ottimo riscontro e ci attendiamo una produzione ortofrutticola normale nel periodo estivo", aggiunge Amidei. "Siamo fiduciosi: operiamo in un mercato che punta decisamente sul green, in linea con i dettami comunitari, mentre gli assortimenti all'interno delle catene di supermercati sono sempre più ampi. Sul fronte del packaging continuiamo con la dismissione della plastica e la riduzione dei sovra-imballaggi privilegiando il cartone, che ci è valso anche un premio alla rassegna dello scorso novembre B/Open per l'innovativo pack monocomponente in carta 100% riciclabile lanciato in occasione della campagna del caco Rojo Brillante Alce Nero".


 
"Stiamo progredendo molto soprattutto all'estero - aggiunge il direttore affari generali di Brio Andrea Bertoldi - in primis in Germania ma anche nei paesi nordici e dell'Est europeo, oltre alla Francia dove ci avvaliamo dell'apporto strategico della nostra consorella". 



"L'aggregazione dell'offerta nel biologico è importante almeno tanto quanto quella nell'ortofrutta convenzionale, e l'unione d'intenti tra Veneto ed Emilia Romagna perseguita da Brio con la presenza di un leader dell'ortofrutta come Agrintesa, ha dato impulso anche sul territorio veronese, dove le ricorrenti crisi e problematiche fitosanitarie su mele, kiwi, pesche hanno messo in crisi il sistema", conclude Bertoldi (foto sopra). "E' stata una iniezione di fiducia per l'ortofrutta veronese che ha voglia di crescere".

Copyright 2021 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: