eventi
BIOFACH 
Norimberga,
26-29 Luglio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

giovedì 3 ottobre 2013


COME COMUNICARE I PRODOTTI ORTOFRUTTICOLI? IL DESIGN SI CONFRONTA CON I PRODOTTI DEL VENETO E NE PARLA A MODESIGN 2013

Creatività, design e cibo: questi i protagonisti della serie di convegni organizzati a Treviso, negli anni diventata un vero e proprio hub della creatività. L'Università Iuav di Venezia si fa conoscere e conosce gli altri operatori del settore con il progetto Modesign Made in Iuav, ormai un appuntamento fisso negli anni più recenti, in programma fino al 5 ottobre. Collaterale e in qualche modo punta di diamante dell'evento è l'insieme dei dibattiti sul cibo, che vedono alternarsi ospiti illustri in quello che sembra un anticipo del prossimo Expo milanese.
Come trasmettere i valori e le tradizioni del food attraverso il design? E' intorno a questa domanda che sono stati realizzati i progetti della mostra "Design dalla terra alla tavola", nella sede dell'Archivio di Stato, per la quale studenti e docenti dello Iuav hanno scelto 15 prodotti tipici dell'agricoltura veneta, dal radicchio rosso agli asparagi, dalle ciliegie ai carciofi, e confrontandosi con coltivatori e rappresentanti dei consorzi di tutela hanno progettato e ripensato ex-novo utensili e strumenti.
In Modesign si affronta il tema di come comunicare i prodotti ortofrutticoli della zona, quello di un design delle cucine che rispetti la purezza del cibo e si parla di packaging. C'è molto territorio, in questi incontri, anche dal punto di vista imprenditoriale. Ma il tema più importante di tutti gli altri, sotterraneo e indispensabile, è il consumo responsabile di cibo.
Modesign Made in Iuav fino al 5 ottobre coinvolge l'intero centro di Treviso: la Loggia dei Cavalieri, Palazzo Giacomelli, l'Archivio di Stato alle sedi di Confartigianato Marca Trevigiana e Unindustria Treviso, il Museo di Santa Caterina e la sede dell'Università Iuav. Coinvolte anche le vetrine del centro storico di Treviso.

Fonte: La Stampa – Il Gazzettino di Treviso


Altri articoli che potrebbero interessarti: