eventi
BIOFACH 
Norimberga,
26-29 Luglio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

giovedì 16 aprile 2015


Xylella fastidiosa, abbattimenti a singhiozzo

Mentre i primi abbattimenti di olivi colpiti da Xylella fastidiosa vanno avanti a singhiozzo, dal 14 aprile a quest'oggi in provincia di Lecce è in corso una grande mobilitazione pro Piano d'interventi. Protagonisti i sindaci, gli olivicoltori ed il Consorzio di tutela dell'Olio extravergine di oliva Dop "Terra d'Otranto". La mobilitazione fa seguito alle lamentele dell'assessore pugliese all'Agricoltura Fabrizio Nardoni del 4 aprile ed al successivo appello del ministro Maurizio Martina di sabato scorso.

Sono state sospese le operazioni di eradicazione di 22 alberi di ulivo affetti da Xylella fastidiosa, che ricadono nell'area focolaio di Veglie nel leccese. La struttura commissariale, informata del massiccio presidio in atto nella zona da parte di oltre un centinaio di ambientalisti, ha dato l'ordine di sospendere gli abbattimenti, previsti in giornata di ieri, perché sarebbero venute meno le condizioni di garanzia per l'ordine pubblico. Questo episodio segue di un giorno esatto l'abbattimento e la termodistruzione in serata di lunedì dei sette olivi in tenimento del focolaio di Oria, nel brindisino, che però aveva richiesto un dispiegamento straordinario di forze dell'ordine, seguito ad un Comitato per l'ordine e la sicurezza nella Prefettura di Brindisi.

Il commissario Giuseppe Silletti avrebbe intenzione di procedere agli abbattimenti nel massimo riserbo, forse anche modificando il programma iniziale. Gli attivisti stanno presidiando quasi tutti gli accessi ai terreni agricoli dove ricadono le piante da abbattere, seguendo ogni spostamento del personale del Corpo forestale dello Stato e anche degli ispettori del Consorzio di difesa produzioni intensive di Lecce, incaricati della fase di campionatura delle piante ricadenti in un raggio di 200 metri da quelle infette.

Dal 14 aprile sono in corso e si terranno fino a oggi, le giornate finalizzata al contrasto della Xylella fastidiosa e alla tutela degli ulivi. Le organizzano in ogni comune della provincia di Lecce, la locale Aprol, Legambiente Puglia, Voce dell'Ulivo ed il Consorzio di Tutela dell'olio extravergine di oliva "Terre d'Otranto". Gli appelli raccolti sono quelli dei "100 trattori per 100 comuni" e di "Sindaci in campo" lanciati dal ministro Martina sabato scorso. Il primo si rivolge a tutte le aziende che intenderanno aderire all'iniziativa dedicando una giornata lavorativa su tutte le aree private dei propri concittadini che non hanno i mezzi tecnici ed economici per ottemperare agli obblighi del Piano di contenimento del Complesso del disseccamento rapido dell'olivo: fresature, arature, sfalci e potature.

Il secondo appello, invece, era rivolto ai sindaci, che saranno protagonisti organizzando giornate di operazioni di sfalcio delle erbe infestanti sulle aree pubbliche e private abbandonate, coinvolgendo anche i cittadini e le aziende volontarie, munite di attrezzature proprie. Il tutto per impedire che l'involo della Cicalina sputacchina, insetto vettore della Xylella fastidiosa, possa allargare a macchia d'olio l'infezione.

Le giornate di impegno straordinario seguono anche alla vibrata protesta dell'assessore all'agricoltura della regione Puglia Nardoni del 4 aprile scorso, che aveva detto: "In questo difficile frangente non si fa l'unica cosa utile e completamente innocua che proprietari e conduttori dei terreni devono fare: arature e potature. Ed è decorso inutilmente il termine del 5 aprile, fissato dal Piano, per questi interventi".

Fonte: Agronotizie


a cura di AgroNotizie

Altri articoli che potrebbero interessarti: