eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
30 giugno-1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

lunedì 18 maggio 2015


Grandinata in Val di Non, danni da quantificare

Violenta grandinata in Trentino e in particolare in Val di Non, giovedì sera, con raffiche di chicchi di un centimetro, un centimetro e mezzo sugli alberi, ora in fase di post-fioritura. "Il rischio è che le mele colpite crescano deformate, con ammaccature ed imbuti, dunque non commerciabili come frutti di prima qualità", il commento a caldo del presidente di Codipra Giorgio Gaiardelli registrato dalla testata Trentino Corriere Alpi. 

La zona maggiormente interessata dalla grandinata è quella del centro valle con Tassullo, Pavillo e Nanno sulla destra orografica del Noce, e Dermulo, Segno, Coredo e Tres sulla sinistra.

Il quotidiano L'Adige ieri parlava di gravi danni, ma in casa Melinda si preferisce attendere prima di sbilanciarsi: "Le notizie che abbiamo a riguardo della grandinata di ieri sono ancora sommarie ma al momento non troppo preoccupanti", spiegava venerdì pomeriggio a Italiafruit News Andrea Fedrizzi, marketing specialist di Melinda. 

"La valle è stata colpita in alcune zone, a macchia di leopardo. In alcune aree vi sono sicuramente gravi danni ma molte altre risultano immuni. Considerando che siamo solo a metà maggio e quindi deve ancora avvenire la cascola naturale e devono ancora essere fatti i diradamenti  manuali che occuperanno gran parte del periodo estivo, riteniamo che il raccolto previsto per il prossimo autunno non sarà più di tanto condizionato da quanto accaduto giovedì". 
  
Copyright 2015 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: