eventi
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

venerdì 10 novembre 2017


Melannurca campana Igp: «Prezzi interessanti, buona qualità»

Entra nel vivo la campagna della Melannurca campana Igp di Aop Luce: si sta per concludere il processo di arrossamento delle ultime “partite”, iniziato a metà settembre. Mediamente ogni mela è rimasta a maturare una quindicina di giorni sul “melaio”, il letto di paglia su cui viene adagiata e girata a mano due o tre volte per garantire una colorazione uniforme e favorire il colore rosso intenso.

Proprio lo straordinario processo produttivo della Melannurca, sottolinea Aop Luce, la rende unica mettendola a al centro di importanti scoperte fatte recentemente dal Dipartimento di Farmacia dell'Università degli Studi Federico II di Napoli. Tutte le mele contengono polifenoli, ma la melannurca Campana Igp ha un contenuto di un gruppo di polifenoli dai riconosciuti effetti salutistici - le procianidine - molto superiore a qualsiasi altra cultivar di mela sino ad oggi oggetto di studi. 



Questo perché, ricorda Aop Luce, viene colta verde per diventare rossa a terra, sul melaio, resistendo agli attacchi di parassiti e funghi: senza difese marcirebbe in breve tempo. La Melannurca sviluppa così maggiori quantità di molecole di difesa che consentono di abbassare i livelli di colesterolo totale, aumentando i valori medi di colesterolo "buono" (Hdl) e riducendo quelli del colesterolo "cattivo" (Ldl). Inoltre, annota ancora Aop Luce, si è riscontrato un effetto positivo nel combattere il diradamento dei capelli.



Sul fronte commerciale, la campagna 2017 è iniziata con prezzi superiori di circa 15 centesimi il chilo a quelli del 2016, “spinti” dal calo dei quantitativi di mele disponibili sul mercato. Per Aop Luce i volumi sono però in linea con lo scorso anno: “La nostra produzione fortunatamente non è stata colpita dagli eventi climatici avversi che hanno caratterizzato l’alto casertano in primavera, per cui il dato è stabile”, dichiara Giacomo Galdiero, amministratore delegato del sodalizio. “Il clima è stato propizio per tutto il periodo dell’arrossamento, quindi ci aspettiamo qualità e tenuta elevate per tutta la campagna”. La disponibilità, anche in questa stagione, si protrarrà fino a primavera inoltrata.

Copyright 2017 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: