eventi
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

giovedì 21 dicembre 2017


Scuola di specializzazione in viticoltura, bilancio positivo

Si è conclusa a Noicattaro (Bari) l'attività 2017 della Scuola di specializzazione in viticoltura - diretto da Mario Colapietra - per l'aggiornamento dei produttori pugliesi di uva da tavola.

Durante i mesi di ottobre, novembre e dicembre si sono svolti i "Giovedì dell'uva da tavola". In 30 ore di didattica, 27 specialisti degli argomenti trattati e docenti universitari, hanno illustrato tutti gli aspetti innovativi della coltivazione, certificazione, conservazione e commercializzazione.

Il corso ha trattato i seguenti aspetti della coltivazione: forme di allevamento, progettazione e realizzazione delle strutture di sostegno della vite; sistemi di copertura, reti e film di polietilene per anticipare o ritardare la raccolta; scelta del portinnesto e delle varietà; nutrizione organica e minerale; fitoregolatori e biostimolanti; interruttori della dormienza; progettazione e realizzazione di impianti di microirrigazione, subirrigazine e fertirrigazione; analisi del terreno; concimazione; produzione biologica ed integrata; oliveti superintensivi (relazione fuori programma per il rilevante interesse in Puglia per questa coltivazione intensiva e completamente meccanizzata); cenni storici sull'uva da tavola; difesa della vite dai parassiti e tecnologie innovative per il controllo delle tignole e cocciniglia; analisi agroalimentari e multiresiduali dei fitofarmaci; certificazioni della produzione, anche biologica; trattamenti in pre-raccolta per la conservazione dell'uva in strutture a bassa temperatura; controllo qualità, modalità di raccolta e commercializzazione.
 
"I viticoltori di uva da tavola che hanno frequentato la Scuola - spiega il direttore Colapietra - sono adesso in possesso delle conoscenze innovative per la produzione di uva con le caratteristiche richieste dalla Gdo. In particolare con l'applicazione delle nuove tecniche di confusione sessuale per le tignole e cocciniglia, si evitano i trattamenti con insetticidi. Ottenendo produzioni con processi produttivi rispettose dell'ambiente, sicure e salubre. 

Fonte: Scuola di specializzazione in viticoltura


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: