eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
30 giugno-1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

Angurie San Lidano giovedì 29 agosto 2019


San Lidano sulle angurie: annata top, prezzi mai crollati

Si sta per chiudere la campagna dei cocomeri italiani. Una stagione che ha regalato grandi soddisfazioni al Gruppo San Lidano, leader del settore con più di 400 ettari coltivati nel territorio vocato dell'Agro Pontino (Lazio) e titolare del marchio di alta qualità Cuore Rosso

"Il bilancio di questa stagione, che concluderemo la prima decade di settembre, non può che essere positivo", sintetizza a Italiafruit News il presidente Luciano Di Pastina. "Nel nostro areale, infatti, non vi sono stati problemi qualitativi e il mercato ha risposto sempre bene. A inizio stagione, in particolare, il prodotto sotto serra ha beneficiato di prezzi particolarmente sostenuti. Che, nella fase di passaggio al campo aperto, sono scesi senza però mai crollare sotto la soglia minima dei 0,2 euro il chilo (promozioni escluse), come invece era accaduto in annate precedenti".


Luciano Di Pastina

Ottimo anche il bilancio del brand Cuore Rosso, il quale vanta un altissimo livello di penetrazione. Per quanto riguarda le preferenze degli italiani si confermano i trend delle ultime annate: "Crescono i volumi di vendita delle angurie a fette e delle tipologie mini e midi, specie nei periodi iniziali e finali della campagna. Sale anche la seedless".

"Detto delle performance inerenti alle tipologie che presentano i migliori trend d'incremento, va comunque rilevato che, a livello di fatturato globale, la parte del leone continua a farla l'anguria tradizionale, in particolare per i calibri da 8 a 12 chili".



Il mercato italiano resta saldamente il core business del Gruppo, nonché il canale di vendita che si tende a privilegiare. Tuttavia il presidio dei vari canali di export non viene di certo trascurato: "A riguardo rileviamo una stagione discreta, ma non particolarmente esaltante - sottolinea il presidente - per il mercato tedesco, molto interessato alle varietà seedless (sia mini, che midi), mentre si è rivelato più vivace l'andamento delle richieste da parte dell'Est Europa, soprattutto per i calibri meno nobili. Infine, negli ultimi giorni registriamo un risveglio importante dei clienti del Nord Europa, Benelux in primis, la cui domanda è incentrata sul cocomero tradizionale, specie di grosso calibro, prediletto dalla forte componente di popolazione immigrata". 

Copyright 2019 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: