eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

martedì 2 febbraio 2021


Agrumeti allagati a Cosenza, urge messa in sicurezza

Ancora una volta si contano i danni a seguito dell’esondazione del fiume Crati, dopo le forti piogge che si sono verificate nel territorio di Corigliano-Rossano (Cosenza), nella notte fra domenica e lunedì.

Le precipitazioni copiose hanno provocato allagamenti in contrada Foggia che hanno interessato le aziende agrumicole e zootecniche ubicate nelle vicinanze del corso d’acqua, causando disagi e danneggiando le coltivazioni.

Una situazione che si ripete ciclicamente, causata dai cambiamenti climatici in atto, che va ad aggiungersi alla già dichiarata crisi della commercializzazione delle clementine, di cui la Calabria è primo produttore nazionale, dovuta ad una combinazione di fattori che hanno compromesso qualità e durata dell’agrume.

Se ci sono fenomeni climatici e ambientali che non si possono prevedere, è però possibile scongiurare il verificarsi di disastri dovuti all’incuria. Così il fenomeno dell’esondazione e dei conseguenti allagamenti delle coltivazioni, potrebbe essere prevenuto attraverso una messa in sicurezza del territorio.

È quanto auspica da tempo la presidente di Confagricoltura Cosenza, Paola Granata, che ha sollecitato, a più riprese, istituzioni e amministrazioni a prendersi carico della manutenzione degli argini e della pulizia degli alvei dei corsi d’acqua.

“E’ una situazione giunta al limite dell’insostenibilità – afferma la presidente Granata – Mettere in sicurezza i cittadini, le aziende agricole, il territorio deve diventare una priorità non più procrastinabile. In particolare gli imprenditori agricoli, alle prese con un già fragilissimo sistema economico, non possono più fare fronte a queste negligenze”.

Fonte: Confagricoltura.it


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: