eventi
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
EIMA
Bologna
19-23 Ottobre 2021
TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

giovedì 15 luglio 2021


Fico d'india Primofiore, a fine mese i primi stacchi

Inizieranno a fine mese i primi stacchi dei fichi d’india Primofiore all’azienda agricola Paolo D’Angelo situata sulle colline di San Cono (Catania). A questi frutti l’azienda dedica 50 ettari, principalmente coltivati con la varietà dei bastardoni, ma anche al Primofiore e alle varietà sulfarina (gialla) e sanguigna (rossa).



“La nostra zona collinare è estremamente vocata per la coltivazione di questi frutti – spiega a Italiafruit News il titolare dell’azienda Paolo D’Angelo – e dopo i primi stacchi di fine mese andremo avanti fino a novembre e oltre. L'anno scorso per esempio, abbiamo continuato la raccolta fino a fine marzo”.
E aggiunge: “Quest’anno la campagna non è ottimale per via degli sbalzi termici: con le temperature troppo calde, le fioriture non sono state omogenee. Capita che le piante negli appezzamenti più collinari siano più ‘cariche’ di quelle più a valle”.


Paolo D'Angelo

Nonostante le conseguenze degli sbalzi termici, le piante del Primofiore – come testimonia il produttore - presentano pezzature grosse e caratteristiche organolettiche ottimali.
Una volta raccolti, i fichi d’india vengono stoccati nelle celle frigo fino a 20 giorni e, sia la lavorazione che il confezionamento avvengono all’interno dell’azienda. “Abbiamo un capannone allestito con impianti di lavorazione, pulizia e refrigerazione – dice il produttore – tra cui un macchinario di ultima generazione di Unitec: siamo molto soddisfatti per quanto ci semplifichi il lavoro. Il fico d’india è un frutto difficile da lavorare ma, grazie anche alla continua collaborazione con i tecnici Unitec, da oggi abbiamo un alleato in più per decretare il successo di questo prodotto”.



Il business principale dell’azienda è rappresentato dai mercati esteri (a cui viene distribuito il 60% della produzione) e la restante parte in Italia. “Esportiamo in Inghilterra, Olanda, Francia e Germania con il marchio ‘Deliziosa tentazione di Sicilia’ – specifica D’Angelo – mentre per il mercato italiano usiamo il nostro marchio ‘D’Angelo’. All’estero questo frutto si conosce già da tempo, è considerato una prelibatezza ed è più facile commercializzarlo. Negli ultimi anni anche i consumatori italiani sono cresciuti esponenzialmente, anche grazie alle nuove tecnologie che permettono un consumo più facile, senza buccia o residui di spine”.



Buoni gli auspici per il futuro: “Entro il 2025 vorremmo aumentare del 10% la superficie dedicata ai fichi d’india” conclude D’Angelo.
Oltre ai fichi d’india, l’azienda coltiva anche sei diverse cultivar di albicocco su 20 ettari di terreno.

Copyright 2021 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: