eventi
BIOFACH 
Norimberga,
26-29 Luglio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

giovedì 13 gennaio 2022


«Marinda, l'inizio promette bene»

Gennaio, tempo di Marinda sulle tavole degli amanti del pomodoro. È in questo mese che inizia la raccolta di questa tipologia di Costoluto che ha le sue origini a Pachino, in provincia di Siracusa. Ed è proprio qui che l’Organizzazione di Produttori Ortomì si occupa di ricezione, stoccaggio, manipolazione, confezionamento e commercializzazione del loro cavallo di battaglia, che l’Op stessa non esita a definire il più buono del mondo. È ancora presto però per fare il punto della situazione, perché la raccolta della primizia di Pachino è appena iniziata, spiega a IFN Concetto Fortunato, il responsabile commerciale dell’Op. “La raccolta è partita da una settimana a questa parte, la commercializzazione appena sabato scorso. Quello che possiamo già dire però è che i grappoli si presentano buoni, anche se il top della qualità, così come i grandi volumi, come sappiamo si avranno nel mese di febbraio”.


La domanda al momento non manca: “Il mercato è favorevole perché il prodotto, che è una specialità che si produce solo nella fascia costiera che va da Pachino a Portopalo, sta mancando per diversi fattori: le temperature che non vengono in aiuto, sempre meno aziende che si dedicano alla produzione a causa dei costi insostenibili e infine il virus Tomato brown che non distrugge la produzione ma danneggia le rese per metro quadrato. Ad esempio, se in una serra colpisce il 20% delle piante, mancherà il 20% del peso, un vero dramma”, sottolinea il responsabile vendite.


“In generale – continua Fortunato – produrre è diventato difficile per tutti perché con il rincaro delle materie prime il costo della produzione è cresciuto almeno del 30-40%. Questo significa che automaticamente siamo costretti a realizzare più prodotti possibile per aumentare i ricavi”. Mancando il prodotto, al momento i prezzi alla produzione sono sostenuti, attorno ai 2 euro al kg.


Da oltre 10 anni l’Op ha creato anche una linea Limited Edition, una nicchia nella nicchia riservata solo al 4% del prodotto caratterizzato da buccia liscia, colore rosso chiaro oppure verde per chi decide di gustarlo prima del tempo. “Ad ogni stadio evidenzia caratteristiche gustative differenti e peculiari – entra nel dettaglio Concetto Fortunato -: Se consumato acerbo l’acidità è maggiore, in fase intermedia l’equilibrio tra zuccheri e acidi è perfetto, mentre nella fase finale rimangono solo gli zuccheri. In ogni caso una prelibatezza realizzata da quattro generazioni dalla mia azienda di famiglia”. 

Copyright 2022 IFN Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: