eventi
BIOFACH 
Norimberga,
26-29 Luglio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

venerdì 18 marzo 2022


Orogel e Fruttadoro, 30mila euro di ore lavoro per l’Ucraina

I gesti di solidarietà verso il popolo ucraino continuano a moltiplicarsi. Al lungo elenco di iniziative e aziende si aggiunge anche Orogel, azienda i cui dipendenti e maestranze hanno scelto di devolvere un’ora del proprio lavoro per raccogliere fondi da destinare agli aiuti umanitari.

Secondo quanto riportato dal quotidiano Cesena Today, Orogel ha fatto sapere che la somma così raccolta, pari a 10 mila €, è stata integrata dalla Fondazione Fruttadoro For, arrivando a quota 30mila. L’importo verrà equamente distribuito alla Protezione civile regionale, che si occuperà dell’assistenza dei profughi arrivati in Italia, e alla Croce Rossa Italiana, che invece si occuperà dell’assistenza sul campo, direttamente in Ucraina.



L’azienda ha anche deciso di anticipare la liquidazione del premio di produzione conseguito durante lo scorso anno, riporta il quotidiano romagnolo, comunicandolo attraverso una nota in cui è scritto che "In questo periodo di grande crisi il gruppo sta mettendo in atto i primi provvedimenti a sostegno dei dipendenti. Orogel ha comunicato ai sindacati e ai lavoratori che il premio di produzione per i dipendenti, riferito a quanto maturato nel 2021, verrà liquidato con il mese di marzo, in anticipo di due mesi rispetto a quanto normalmente previsto". 

La nota prosegue comunicando che nell’ottica di "alleggerire la situazione finanziaria del personale dipendente che usufruisce di prestiti aziendali, per l’anno in corso l’importo delle rate a rimborso verrà automaticamente ridotto del 50%. Inoltre, alla luce delle fortissime difficoltà che sta attraversando la produzione agricola nazionale, allo studio iniziative a favore della base sociale del Gruppo". 

Fonte: Cesena Today


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: