eventi
BIOFACH 
Norimberga,
26-29 Luglio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

giovedì 31 marzo 2022


Indicazioni Geografiche, De Castro per la riforma

Annunciata la nomina di Paolo De Castro a relatore della proposta di regolamento che modifica l’attuale sistema di protezione delle Indicazioni Geografiche

“Salvaguardare e rafforzare quella che rappresenta una delle storie di maggior successo dell’Unione: saranno questi gli obiettivi imprescindibili del mio lavoro sulla riforma del sistema delle Indicazioni Geografiche”, così Paolo De Castro, membro della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale del Parlamento UE, annuncia la nomina a relatore della proposta di regolamento che modifica l’attuale sistema di protezione delle IG che la Commissione presenterà ufficialmente oggi.



“Condividiamo pienamente l’obiettivo della Commissione di rafforzare la protezione e ampliare la diffusione di questi prodotti di altissima qualità, invidiati in tutto il mondo: basti pensare che la DOP economy vale 75 miliardi di euro a livello europeo, e 17 miliardi a livello italiano, di cui quasi 10 miliardi vengono esportati sui mercati esteri. Al contrario, – prosegue De Castro – siamo preoccupati da proposte che possano portare a un indebolimento del ruolo dei consorzi, o a una delega della responsabilità di analisi e valutazione dei disciplinari di produzione all’Ufficio europeo dei brevetti, che non possiede quelle competenze prettamente agricole che invece può mettere a disposizione la Direzione Generale Agricoltura della Commissione”.



“Negli ultimi anni, – spiega l’europarlamentare PD – le IG hanno rappresentato anche uno straordinario strumento politico per l’Unione: basti pensare all’Halloumi cipriota, simbolo di una rinnovata stagione di dialogo con la comunità turco-cipriota, o al prosciutto d’Istria, la prima DOP transfrontaliera europea, che ha posto fine ad anni di controversie tra i produttori sloveni e croati”.

“Un patrimonio economico e politico, oltre che culturale e sociale, per il quale siamo pronti a metterci al lavoro fin da subito, in collaborazione con tutti i consorzi di tutela e produttori europei, con l’imperativo – conclude il neo-nominato relatore dell’europarlamento – di salvaguardare un sistema senza eguali nel mondo, e rafforzarlo ulteriormente affinché casi come quello del Prosek croato non possano più ripetersi”.

Fonte: www.qualivita.it


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: