eventi
BIOFACH 
Norimberga,
26-29 Luglio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

giovedì 7 aprile 2022


Biologico, agricoltura europea in costante crescita

Sono pari a 340mila le tonnellate di frutta e verdura biologica consumate in Italia nel 2021conto le 811mila tonnellate di ortofrutta arrivate sulle tavole dei tedeschi. In valori economici, la Germania ha venduto frutta e verdura per oltre 2,9 miliardi di euro, facendo registrare un incremento del 106%, mentre l’Italia fa segnare un incremento del 10% a valore (passando da 679 a 733 milioni di euro di frutta e verdura acquistata).

Sono i dati presentati quest’oggi a FruitLogistica, in corso a Berlino fino al 7 aprile.

L’agricoltura biologica europea è in costante crescita: cresce il fatturato (37,4 miliardi di euro - +18% rispetto al 2018) crescono i terreni coltivati (+18,3 milioni di ettari), le aziende e il numero di lavoratori, ma soprattutto crescono la fiducia e anche la spesa pro–capite da parte dei consumatori europei. “A FruitLogistica di Berlino - ha dichiarato Paolo Bruni, presidente Cso Italy - oltre 30 aziende dell’ortofrutta italiana, che rappresentano una fetta rilevante dell’intero comparto del nostro Paese. Il progetto Made in Nature contribuirà a promuovere i valori del biologico”.

Sul podio tedesco dell’ortofrutta bio, salgono le banane con quasi 130mila tonnellate consumate nel 2021 e con una quota del 17% sul totale dei consumi di banane nel mercato tedesco; le carote con circa 100mila tonnellate e una quota di mercato sul consumo totale del 23% e gli agrumi con 80mila tonnellate e il 10% di market share bio sul totale dei consumi di arance, Ma sono limoni (34%), zucche e zucchine (24%) ad avere la più alta quota percentuale sul totale dell’intera produzione.

Sul podio italiano dell’ortofrutta bio, salgono invece arance (43mila tonnellate e un market share del 10%), banane (40mila tonnellate e 10% di quota sul totale dei consumi) e mele (39mila tonnellate e 9% di quota). Limoni, ciliegie, albicocche e mandarini sono i prodotti con la maggiore produzione biologica sul totale della produzione di queste frutta.

Accanto ai dati di Italia e Germania, quelli relativi alla Danimarca confermano il Paese della Sirenetta al primo posto per consumo bio pro-capite con una quota del 13% con una spesa pro-capite di 384 Euro e una stima di crescita per il 2021 del 10%. Frutta e verdura rappresentano circa 1/3 del mercato biologico totale.

Per quanto riguarda il mercato francese, nel 2021, il consumo di frutta e verdura biologica è diminuito del 10% (Interfel). Si tratta di uno stop importante, che arriva dopo circa 10 anni di crescita 
Tale calo è riconducibile a una maggior attenzione verso i prodotti a Km 0 e per i prezzi ritenuti ancora troppo cari per una fascia di consumatori anche per effetto delle conseguenze economiche provocate dalla pandemia.

Fonte: Ufficio stampa Cso


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: