eventi
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

venerdì 6 maggio 2022


Patate, quali le prospettive dei consumi?

Ieri a Macfrut si è provato ad indagare gli scenari attuali e le prospettive dei consumi del settore pataticolo. L’occasione è stata la tavola rotonda organizzata da Selenella - Consorzio patata italiana di qualità.

Il presidente, Massimo Cristiani, in apertura ha dichiarato: “Portiamo ancora gli strascichi della pandemia a cui si aggiunge una situazione di guerra che ha generato un aumento dell’inflazione piuttosto importante. Questo ha una ricaduta sul concetto di spesa, bisogna cercare di capire come”.

A seguire sono intervenuti Daria Lodi, analista consumi prodotti ortofrutticoli di Cso Italy, Luciano Trentini, coordinatore Cepa, Elena Chiarello, Phd Programme Health, Safety and Green Systems dell’Università di Bologna e Giacomo Accinelli, coordinatore del Consorzio Patata Italiana di Qualità.


Daria Lodi ha affrontato il cambiamento dei consumi di ortofrutta dalla pandemia a oggi: “Del lockdown hanno beneficiato i prodotti di elevata shelf-life perché si sentiva l’esigenza di fare scorta e ci sono stati importanti incrementi di vendite per finocchi, carote, cipolle e patate. Queste ultime nel primo trimestre del 2020 sono state acquistate il 40% in più dell’anno precedente. Il 2021 però non ha saputo mantenere le stesse cifre”.

Selenella sì, però. Parola del Consorzio. “Il 2020 è stato l’anno della svolta per noi – ha dichiarato Accinelli -. L’incremento delle vendite è stato altissimo, attorno al 15% in certi momenti. Nel 2021 abbiamo aumentato le quote di mercato e anche nel 2022 siamo in controtendenza rispetto ai dati di mercato e siamo ancora in crescita”.

Luciano Trentini ha fatto invece una veloce panoramica del prodotto: “Con una produzione totale di 340 milioni di tonnellate, la patata è uno di quei prodotti che può sfamare il mondo. In Europa i Paesi cardine sono: Francia, Belgio, Paesi Bassi e Germania. In Italia invece la produzione sta calando in modo importante”. 

Copyright 2022 IFN Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: