eventi
BIOFACH 
Norimberga,
26-29 Luglio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

lunedì 14 luglio 2014


Crisi, pesche e nettarine entrano nella settimana decisiva

Venerdì scorso si è tenuta la tanto attesa riunione del Gruppo di Contatto italo-franco-spagnolo per Pesche e Nettarine, convocata d'urgenza dal ministero spagnolo dell'agricoltura a seguito del preoccupante andamento della campagna di commercializzazione sul mercato europeo.

In teleconferenza, i ministeri dell'agricoltura e le rappresentanze agricole dei tre rispettivi Paesi hanno confermato la gravità della situazione che nelle ultime settimane ha portato ad un crollo dei prezzi, con quotazioni inferiori di oltre il 40% ai costi di produzione.

L'andamento negativo di mercato "è legato ad un contesto climatico che, se da un lato sta deprimendo i consumi in maniera rilevante in tutta Europa, dall'altro non favorisce le caratteristiche organolettiche delle produzioni di drupacee in generale, ma anche di meloni e cocomeri", ha spiegato a Italiafruit News Davide Vernocchi, presidente del settore ortofrutticolo di Fedagri-Confcooperative nonché presidente di Apo Conerpo, la più grande Organizzazione di produttori ortofrutticoli italiana ed europea. 
 

Vernocchi: "coesione assoluta" per l'Italia

Alla riunione "il mondo agricolo italiano ha mostrato una coesione assoluta, al punto che ha parlato uno per tutti" ha sottolineato Vernocchi. I tre Paesi hanno quindi concordato di avanzare una "richiesta unitaria" da portare all'attenzione del prossimo Consiglio dei Ministri Ue, in programma quest'oggi. Si vuole coinvolgere anche altri Paesi Produttori di pesche e nettarine, ad iniziare dalla Grecia, per poi presentare la proposta di intervento alla Commissione UE, in occasione del Comitato di Gestione di mercoledì 16 luglio.



Davide Vernocchi


Cosa chiedono i Paesi produttori?

Nello specifico, Italia, Spagna e Francia intendono ottenere dall'Unione europea il riconoscimento di "grave turbativa di mercato" con i provvedimenti già previsti dalla OCM unica (art. 219 del Reg. n.1308/13 - Turbative di mercato), in modo da poter adottare misure tempestive di intervento di ritiro del prodotto di calibro più piccolo e di minor qualità, per un limitato periodo, a favore di tutti i produttori. "Auspichiamo che in tempi brevi si arrivi ad applicare quanto previsto nell'OCM unica in caso di crisi grave, soprattutto per dare una prospettiva alle nostre produzioni peschicole medio-tardive" ha concluso Vernocchi. 

La prossima riunione del Gruppo di Contatto italia-franco-spagnolo per Pesche e Nettarine si terrà venerdì prossimo, 18 luglio, a Roma.

Copyright 2014 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: