eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

lunedì 19 maggio 2014


LA DORIA, RISULTATI IN PROGRESSO NEL PRIMO TRIMESTRE RISPETTO AL 2013

Il Consiglio di Amministrazione di La Doria S.p.A., Gruppo leader nella produzione di derivati del pomodoro, legumi e succhi di frutta a marchio della Grande Distribuzione, ha approvato mercoledì scorso, 14 maggio, ad Angri il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2014.

I risultati economico-finanziari del primo trimestre, in linea con le previsioni, mostrano un forte miglioramento della marginalità rispetto al primo trimestre dell'esercizio precedente. Tale miglioramento è stato conseguito pur essendo gravati, sul periodo, l'incremento del costo di approvvigionamento dei legumi secchi e i maggiori costi di produzione della campagna del pomodoro dell'estate 2013 a causa del rilevante rincaro del costo della materia prima. Sui primi tre mesi dell'esercizio, per la stagionalità di una parte dell'attività produttiva, sono gravati, inoltre, alcuni costi indiretti di produzione, imputabili alla linea "rossa", che saranno assorbiti a partire dal terzo trimestre dell'esercizio, periodo in cui viene effettuata tale produzione.

Il miglioramento della marginalità del Gruppo nel primo trimestre 2014 è stato realizzato grazie alla capacità di trasferire l'incremento dei costi sui listini di vendita, nonché attraverso una maggiore efficienza industriale e la riduzione dei costi energetici.


Risultati consolidati del primo trimestre 2014

Nel primo trimestre 2014, i ricavi totali consolidati si attestano a 155.3 milioni di Euro, in aumento dell'1.8% rispetto ai 152.4 milioni del primo trimestre 2013, grazie essenzialmente alla crescita delle linee "legumi e vegetali" e "derivati del pomodoro" e al contributo dei mercati internazionali.
A parità di cambio di conversione del bilancio della controllata inglese LDH (La Doria Ltd), il fatturato consolidato ammonterebbe a 152.6 milioni di euro (+0.13% rispetto al 31.03.2013).

Il fatturato del Gruppo è stato generato nel settore dei derivati del pomodoro (29%), succhi di frutta (13.4%), legumi (27.6%) e altre vendite (30%). All'estero è stato destinato il 79.4% delle vendite, mentre il peso del mercato domestico si è attestato al 20.6%.

I principali margini di redditività a livello consolidato risultano:

  • il risultato operativo lordo (EBITDA), che è pari a 12.1 milioni di Euro (+33%) rispetto ai 9.1 milioni dei primi tre mesi 2013. Ebitda margin al 7.8% dal 6% del primo trimestre 2013;
  • il risultato operativo (EBIT), che ammonta a 9.3 milioni di Euro (+60%) rispetto ai 5.8 milioni del 31.03.2013. L'Ebit margin attestato al 6% contro il 3.8%;
  • il risultato ante imposte, che ammonta a 7.6 milioni di euro (+13.4%) rispetto ai 6.7 milioni realizzati al 31 Marzo 2013, nonostante la presenza di oneri su cambi per 0.6 milioni a fronte della presenza di proventi su cambi, per 2.2 milioni, che avevano positivamente influito sul medesimo trimestre dell'esercizio precedente;
  • l'utile netto di Gruppo, che è pari a 3.8 milioni di euro, a fronte dei 4.4 milioni realizzati nel primo trimestre 2013 che aveva beneficiato di proventi straordinari per 1.5 milioni di euro, relativi alla deduzione, ai fini Ires, de ll'Irap sul costo del lavoro per gli esercizi 2008- 2012. L'utile netto del primo trimestre 2014 risulta, pertanto, in crescita del 31% rispetto all'utile netto rettificato del primo trimestre 2013, pari a 2.9 milioni. La parte di pertinenza dei terzi si attesta a 1.2 milioni, a fronte di 1.4 milioni dell'analogo periodo dell'esercizio precedente.

I principali dati patrimoniali a livello consolidato risultano:
  • la posizione finanziaria netta che si attesta a -116.8 milioni di Euro a fronte di -108.5 milioni di Euro registrati al 31 Dicembre 2013 e di -126.5 milioni al 31.03.2013 a seguito del maggior fabbisogno di circolante;
  • il patrimonio netto che ammonta a 160.2 milioni di euro , in incremento rispetto al patrimonio di 153.3 milioni al 31 Dicembre 2013 e di 138.6 milioni al 31 Marzo 2013.


Risultati della Capogruppo del primo trimestre 2014

Il fatturato della Capogruppo La Doria S.p.A. nel primo trimestre 2014 è pari a 86.9 milioni di Euro, in aumento del 3.2% rispetto agli 84.2 milioni del 1° trimestre 2013.

Il risultato operativo lordo è pari a 8.9 milioni di Euro, in aumento del 43.5% rispetto ai 6.2 milioni di Euro del 1° trimestre 2013, mentre il risultato operativo netto si attesta a 6.2 milioni e risulta più che raddoppiato rispetto ai 3 milioni rilevati al 31 Marzo 2013.

Il risultato anteimposte ammonta a 7.6 milioni di euro, in progresso del 24.6% rispetto ai 6.1 milioni registrati al 31 Marzo 2013, nonostante la presenza degli oneri su cambi per 0.2 milioni contro i proventi su cambi per 1.7 milioni che avevano positivamente influito sul medesimo trimestre dell'esercizio precedente.

Il risultato netto è pari a 5.7 milioni di euro, in linea con i 5.9 milioni realizzati nel primo trimestre 2013 che aveva beneficiato di proventi straordinari per 1.5 milioni di euro, relativi alla deduzione, ai fini Ires, dell'Irap sul costo del lavoro per gli esercizi 2008-2012. L'utile netto della Capogruppo nel primo trimestre 2014 risulta, pertanto, in crescita del 31.8% rispetto all'utile netto rettificato del primo trimestre 2013.

I debiti finanziari passano a 111.5 milioni di Euro dai 106.9 milioni registrati al 31.12.2013, a seguito dell'accresciuto fabbisogno di capitale circolante (120.2 milioni al 31 Marzo 2013).


Stime per il 2014


Per quel che riguarda l'evoluzione della gestione del Gruppo La Doria, il 2014 si prospetta come un esercizio positivo. Le stime indicano un ulteriore aumento del fatturato e della marginalità rispetto ai risultati conseguiti nel 2013, grazie principalmente al positivo andamento dei prezzi di vendita, nonché alla sostanziale stabilità del prezzo di approvvigionamento di alcune materie prime alimentari e dei materiali di imballo. Il miglioramento della marginalità deriverà altresì dalle azioni che il Gruppo continuerà ad esplicare in termini di efficienza industriale e contenimento dei costi.

Fonte: La Doria


Altri articoli che potrebbero interessarti: