eventi
BIOFACH 
Norimberga,
26-29 Luglio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

lunedì 22 febbraio 2016


Pomodoro sardo: buon inizio, poi il calo dei listini

Un inizio favorevole con quotazioni sostenute, un prosieguo meno fortunato a causa dalla produzione abbondante e del clima mite, poco idoneo ai consumi, che ha sensibilmente abbassato i prezzi: questa la sintesi della campagna commerciale del pomodoro di Op Agricola Campidanese distribuito a marchio L’Orto di Eleonora, certificato secondo lo schema GLOBAL G.A.P. e coltivato con tecniche di lotta integrata. 

Nel dettaglio - spiega a Italiafruit News il direttore commerciale Salvatore Lotta (nella foto) - il Ciliegino è coltivato su  5 ettari nella zona di produzione di  Terralba (Oristano); i prezzi medi al produttore si aggirano attorno all’euro al chilo, al cliente finale della Gdo il prodotto, confezionato in vaschette da 500 e 300 grammi, viene proposto a circa il doppio.

Analoga superficie interessa il pomodoro a Grappolo la cui zona di produzione è San Nicolò d'Arcidano (Oristano); il prezzo medio al produttore è di 0,82, mentre in Gdo viene proposto in padelle a uno strato a 1,40 euro.

Il Pomino (Datterino sardo) occupa invece un ettaro nella zona di Decimoputzu (Cagliari); il prezzo medio al produttore è di 1,70  euro al chilo, al cliente finale viene venduto a 2,80 euro in confezioni da 250 grammi. 

Tre, infine, gli ettari dedicati a Marmande nella zona di produzione San Nicolò D'Arcidano (Oristano) e un prezzo medio all'agricoltore di 1,10 euro (1,70 euro in Gdo).

Copyright 2016 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: