eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
30 giugno-1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

venerdì 2 novembre 2018


La legge di Bilancio 2019 oscura la lotta al caporalato

La legge di Bilancio 2019 è stata bollinata dalla Ragioneria di Stato e inviata al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che l’ha firmata. Tra il 29 e il 30 novembre la manovra sarà in Aula alla Camera che dovrà esaminarla e, eventualmente, correggerla entro il 31 dicembre.


Nell'ultima versione spuntano alcune sorprese rispetto alle precedenti bozze. Intanto, una maxi sforbiciata alla Regioni che non si adegueranno al taglio ai vitalizi di presidenti e consiglieri regionali entro quattro mesi dall'entrata in vigore della legge o "sei mesi, qualora occorra procedere a modifiche statutarie".

Nel testo firmato, poi, salta – piuttosto a sorpresa - anche l'articolo che prevedeva che, nell'ambito della strategia per il contrasto al fenomeno del caporalato, fosse istituito al ministero del Lavoro un Tavolo ad hoc presieduto dal ministro.
Arriva anche il taglio dei fondi per gli incentivi al contratto di apprendistato rispetto a quanto stabilito dalla legge di Bilancio per il 2018 (che aveva stanziato 5 milioni per il 2018, 15,8 milioni per il 2019 e 22 milioni di euro annui dal 2020). Lo stanziamento per l'anno in corso è confermato in 5 milioni ma si riduce a 5 milioni dal 2019. Resta l'incremento di 3 milioni l'anno del Fondo nazionale per le politiche migratorie.

Nel testo della manovra si fa riferimento a un "voucher manager": fino a 40mila euro per le Pmi che acquisiscono "prestazioni consulenziali" di natura specialistica con l'obiettivo si sostenere i processi di trasformazione tecnologica e digitale attraverso le tecnologie previste dal "Piano nazionale Impresa 4.0". Si tratta di un contributo a fondo perduto non superiore al 50% dei costi sostenuti a decorrere dal periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2018 e fino al 31 dicembre 2020.

Gli stessi contributi sono concessi alle imprese che sottoscrivono o aderiscono a "un contratto di rete" che abbia nel programma "lo sviluppo di processi innovativi in materia di trasformazione tecnologica e digitale attraverso quanto previsto da Impresa 4.0". In questo caso il voucher ha un tetto di 80mila euro.

Copyright 2018 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: