eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

martedì 19 marzo 2019


Mandarini, Orri non conosce la parola crisi

Il mandarino Orri, easy peeler e senza semi, riesce a dare buone soddisfazioni al Mercato ortofrutticolo di Brescia. L'azienda grossista Garda Frutta, amministrata da Lorenzo Ebranati, sottolinea infatti che questa varietà medio-tardiva si sta vendendo bene a prezzo che può raggiungere anche i 2,50 euro il chilo. Un sogno per la maggior parte dei produttori di mandarini e clementine italiani che quest'anno hanno vissuto una crisi pesantissima. 

Le produzioni che distribuisce Garda Frutta provengono da Israele e Spagna. "Abbiamo iniziato la campagna dell'Orri a metà gennaio - dice il titolare Ebranati - A oggi possiamo dire di essere molto soddisfatti per l'andamento della domanda, soprattutto per quanto riguarda la linea premium, la più bella in assoluto, di origine israeliana. Che, attualmente, raggiunge un prezzo medio compreso tra 2,2 e 2,5 euro il chilo. Ogni giorno ne vendo due o tre pedane (circa 25-30 quintali), lavorando con le botteghe specializzate bresciane e lombarde. Chi vuole offrire un mandarino senza semi molto buono, giocoforza deve tenere l'Orri premium in assortimento".



Oltre alla linea premium, l'azienda propone le Orri di prima categoria sia israeliane sia spagnole. "Cediamo a 2-2,20 euro/kg le produzioni iberiche a marchio Filosofo e a 1,70-1,80 euro/kg la merce israeliana". Un altro mandarino senza semi in vendita è Nadorcott, che Garda Frutta importa dalla Spagna: "I prezzi per chilo sono mediamente più bassi, si va da 1,1 euro per il calibro più piccolo a 1,3 euro per la pezzatura più importante (1x)".

Garda Frutta può tirare così un sospiro di sollievo dopo una campagna nazionale delle clementine che considera disastrosa. "Ogni anno che passa va sempre peggio - conclude Ebranati - Il Comune di ottima ottima si riesce a gestire solo a dicembre e all'inizio gennaio, fino all'Epifania". L'Italia, secondo l'operatore, dovrebbe quindi seguire l'esempio della Spagna: da una parte bisognerebbe investire nell'innovazione varietale per trovare varietà precoci e tardive più buone, dall'altra migliorare la lavorazione dei prodotti immessi nei Mercati all'ingrosso. 



Copyright 2019 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: