eventi
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

martedì 10 novembre 2020


Succo d'arancia, l'export del Brasile è in calo

Secondo i dati divulgati da CitrusBR, che rappresenta le maggiori aziende esportatrici brasiliane di succo d’arancia (Citrosuco, Cutrale e Louis Dreyfus Company), le esportazioni di succo d'arancia dal Paese hanno totalizzato 223,7 mila tonnellate tra luglio e settembre, i primi tre mesi della raccolta 2020/21 e ha generato 316,7 milioni di dollari. Rispetto allo stesso periodo della scorsa stagione, il volume della produzione è diminuito del 26% e il valore delle vendite è stato inferiore del 40,1%.

Parte della flessione può essere spiegata dal grande raccolto di arance negli stati di San Paolo e Minas Gerais nel raccolto 2019/20, che ha dato origine a una produzione attuale di 1,2 milioni di tonnellate di succo, il 37,4% in più rispetto al ciclo precedente. In tal modo è stato possibile ricostituire le scorte, che erano piuttosto basse nello stesso periodo dell'anno scorso e incrementare le esportazioni, in genere più intense nei primi mesi dei raccolti più abbondanti.  Questo spiega anche perché quest'anno le vendite all’estero sono inferiori in questa fase, senza rappresentare una tendenza per l’intera stagione.

Secondo CitrusBR, l’export verso l’Unione europea, principale destinazione del succo d'arancia all'estero, ha raggiunto le 140,7 mila tonnellate nel primo trimestre di questo ciclo 2020/21, il 17,6% in meno rispetto allo stesso intervallo di stagione. In valore si osserva una riduzione del 51,6% a 196,9 milioni di dollari.

Per gli Usa le tonnellate esportate sono state 42,5 mila, con un incremento del 15,7%, ma il valore è diminuito dell'8,8%, a 52,8 milioni di dollari. Per il mercato giapponese, le esportazioni sono cresciute del 61,7%, a 22mila tonnellate, ma il valore è sceso del 36,5%, a 14,7 milioni di dollari. E per la Cina, il volume esportato è stato inferiore del 5,8% (9,4 mila tonnellate) e le entrate sono diminuite dell'80%, a 1,5 milioni di dollari. Tutti i dati includono sia le esportazioni di succo d'arancia concentrato e congelato (Focj) sia le esportazioni di succo pronto da bere (Nfc).

Fonte: Ice San Paolo


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: