eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

giovedì 4 marzo 2021


«Ci salviamo con le vendite nei supermercati e all'estero»

Dopo la situazione drammatica dello scorso anno (clicca qui per approfondire) per il comitato del finocchio di Isola di Capo Rizzuto continuano ad essere tempi difficili. A complicare la vita ai produttori calabresi dell’ortaggio in attesa del riconoscimento Igp dall’Unione Europea, sono le condizioni climatiche e i consumi al rallentatore determinati anche dal Coronavirus.

“La campagna prosegue e stiamo raccogliendo il poco prodotto commercializzabile dopo l’alluvione di novembre, che ci ha fatto perdere quasi metà della nostra produzione oltre a causare notevoli disagi per la gestione delle macchine in campo” spiega a Italiafruit News Aldo Luciano, presidente del comitato del finocchio di Isola di Capo Rizzuto.
All’alluvione dei mesi scorsi si somma anche l’andamento climatico di questi mesi: “Febbraio doveva essere il mese più freddo dell’anno invece abbiamo avuto una temperatura media di 16 gradi – dice Luciano – in questo modo il prodotto è cresciuto con largo anticipo e finisce per accavallarsi con i trapianti successivi”.



Ma il meteo non è il solo problema. Secondo il presidente del comitato, il finocchio soffre una bassa domanda e subisce prezzi che coprono appena i costi di produzione. “Notiamo uno scarso interesse dei consumatori per il finocchio e le verdure in genere dovuto anche al meteo".

Gdo ed export hanno però aiutato la commercializzazione del finocchio. “I clienti di Germania, Francia e Inghilterra sono stati la nostra fortuna – sottolinea Luciano – se avessimo coperto solo il mercato italiano, a quest’ora saremo già morti. Invece grazie alla Gdo di settimana in settimana stiamo raccogliendo e fornendo prodotto in promozione, anche se i prezzi non bastano a coprire i costi della gestione aziendale”.
Per quanto riguarda la commercializzazione con i mercati all’ingrosso, i volumi consegnati sono in calo. “Stiamo gradualmente abbandonando questo canale perché non ci assicura nessuna remunerazione, ormai la tentata vendita è una tradizione che va scemando. I mercati potrebbero garantirci una remunerazione solo se venisse a mancare l’offerta da altri areali di produzione. Al contrario con la Gdo abbiamo l’opportunità di costruire un programma di fornitura e mantenere il valore della nostra eccellenza”.



Il comitato ripone la sua fiducia nella certificazione europea, il cui riconoscimento è atteso nei prossimi mesi. “L’Igp potrà dare respiro a un comparto che da tre anni soffre una situazione anomala per prezzo e consumo - commenta il produttore – questa sarà l’ennesima annata faticosa, molte aziende chiuderanno in passivo anche per l’accesso al credito sempre più complicato”.

Tra gli obiettivi futuri del comitato c’è un’implementazione degli standard tecnologici e il ricorso a prodotti naturali come l’ozono che permettano di aumentare la shelf life dei prodotti. “Vogliamo ottenere un finocchio con il grumolo più bianco possibile, che caratterizzi la freschezza del prodotto – specifica Luciano – in questo modo potremmo pensare alla vendita anche tramite e-commerce, ad oggi ancora non sviluppata proprio per problemi di gestione del prodotto”.



“Per il futuro ci piacerebbe aumentare più il livello di qualità che di quantità – conclude il presidente del comitato – rispondere a standard sempre più elevati e più fruibili anche da parte dei consumatori. Per questo realizzeremo anche campagne di comunicazione mirate sui social, in attesa della certificazione che dovrebbe arrivare nei prossimi sette mesi”.

Copyright 2021 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: