eventi
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

venerdì 23 aprile 2021


Mercati del Lazio sottotono, rincari per fragole e asparagi

Temperature sotto media e poche vendite di ortofrutta nei Centri agroalimentari del Lazio. "E' un mercato fermo, non ci sono articoli che spiccano", sintetizza dal Mof il grossista Elio Paparello. "I peperoni siciliani di buona qualità viaggiano attorno ai 2,20 euro il chilo mentre le melanzane oscillano tra 70 centesimi e l'euro ma, nonostante i prezzi molto bassi, hanno poca richiesta". 



"Lo stesso discorso - aggiunge Paparello - vale per le principali produzioni pontine di stagione che a causa di gelate e grandine sono andate perse oppure stanno maturando a fatica: è il caso delle fragole, con la varietà Sabrina di buona qualità quotata tra 3 euro e 3,20 il chilo". Scarsa, al momento, la disponibilità di asparagi: i verdi pugliesi, riferisce il grossista del Mof, sono venduti tra i 2 e i 2,50 euro il chilo fino ad arrivare a un massimo di 3. Prezzi bassi invece per sedani e finocchi, in un'area prezzo tra i 40 e i 70 centesimi.



Dal Car di Roma si fa presente che "frutta e verdura sono disponibili in questi giorni in tante varietà acquistabili a prezzi pienamente in linea con la media degli altri anni: soltanto per alcuni prodotti si iniziano a vedere i primi effetti del freddo delle scorse settimane".

A soffrire in modo particolare, rileva l’Ufficio Studi del Centro Agroalimentare Roma, sono in questo periodo prodotti come fragole e asparagi, che stanno subendo dei rincari di prezzo, se paragonati allo stesso periodo dello scorso anno. La causa principale sono proprio le anomale gelate che hanno investito l’Italia nelle scorse settimane e che, per prodotti di questo tipo, hanno influito sullo sviluppo e sulla piena maturazione. 



Il carciofo, ormai alla fine della sua campagna, ha visto una ripresa delle vendite, determinate proprio dalle basse temperature, che hanno ritardato la fine della produzione. Presenti peraltro in Mercato anche varietà di prodotti che non hanno subito nessuna variazione di prezzo: è il caso di mele e pere per quanto riguarda la frutta ma anche di melanzane, bieta, cicoria, finocchi e carote per quanto riguarda la verdura.

"Sapevamo - commenta Fabio Massimo Pallottini, direttore generale di Car - che il freddo avrebbe inciso in qualche modo sui prezzi di alcuni prodotti. Non c’è però nessun allarme: presto anche per un frutto molto richiesto come la fragola la situazione tornerà alla normalità".

Copyright 2021 Italiafruit News



Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: