eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

lunedì 17 maggio 2021


Diritto agroalimentare, si studia a Bologna

L’industria agroalimentare –eccellenza “Made in Italy” – occupa il secondo posto in Italia subito dopo quella metalmeccanica ed è in costante e rapida crescita. Viene considerata come elemento di traino per l’intera economia, con un valore di circa 205 miliardi di Euro e rappresenta il 12% del Pil nazionale. Multidisciplinarietà, tecnicalità e transnazionalità sono gli elementi chiave di questo settore.

Per venire incontro alle esigenze formative e professionalizzanti del mercato, la Fondazione Forense e l’Ordine degli Avvocati di Bologna in collaborazione con la Fondazione Fico e il Centro Agroalimentare di Bologna (Caab), con il coordinamento scientifico di Antonio de Capoa (Founding Partner presso lo Studio Legale de Capoa & Partners) e Stefano Dalla Verità (Managing Partner presso Studio Legale Franco, Luigi e Stefano Dalla Verità e Associati e Direttore della Fondazione Forense Bolognese), promuovono il Corso di Alta Formazione in Diritto Agroalimentare

Il ciclo di lezioni, caratterizzato da un taglio interdisciplinare, offre una formazione completa che spazia dai profili più tecnici a quelli di carattere normativo, sia a livello interno che internazionale, senza tralasciare gli aspetti economici e tecnico scientifici. È rivolto non solo ai professionisti iscritti agli Albi, ma anche ai consulenti, agli imprenditori, ai manager, ai dipendenti di aziende e di enti pubblici e, più in generale, all’intero comparto.

I temi coprono l’intero arco della filiera, dall’analisi della struttura e del funzionamento delle catene distributive alla normativa in materia di sicurezza alimentare, etichettatura ed imballaggio degli alimenti, dal “novel food” al sistema delle certificazioni (biologico, marchi di qualità, Halal e Kosher), al diritto vitivinicolo. Diversi moduli saranno dedicati interamente all’analisi delle normative di diversi Paesi extra UE, al ruolo dell’Organizzazione mondiale del commercio (Wto) e alla UE.

Tra le numerose lezioni da segnalare quella del dottor Andrea Montanari (partner Studio legale tributario Fantozzi & Associati) sui profili fiscali; dell’avvocato Antonio de Capoa e della dottoressa Anna Maria Tiozzo (Presidente del WHAD, Ente di Certificazione Halal Italiano) sulle prescrizioni islamiche ed ebraiche in materia alimentare; del professor Carlo Berti (Associato di Diritto Privato - Università di Bologna) sulla tutela del consumatore; del professor Enrico Al Mureden (Ordinario di Diritto Civile presso l’Università di Bologna) e dell’avvocato Francesco Cardile (Avvocato e Docente a contratto di Diritto Penale dell’Ambiente presso l’Università di Bologna) sulla responsabilità amministrativa, civile e penale in materia alimentare e della dottoressa Giulia Bonora (Phd in Diritto dell’Unione europea presso l’Università di Bologna) sulla regolamentazione dei “Novel Food”.
 
Nella foto in apertura, da sinistra a destra, in alto Stefano Dalla Verità e Antonio de Capoa, in basso Andrea Montanari e Anna Maria Tiozzo

Fonte: Ufficio stampa Fondazione Forense Bolognese


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: