eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
30 giugno-1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

venerdì 26 marzo 2021


Rijk Zwaan, la sostenibilità della filiera parte dal seme

Il tema della sostenibilità in agricoltura ha assunto nel tempo una sempre maggiore strategicità per affrontare le continue sfide del settore. Una consapevolezza condivisa dal 48,1% delle aziende agricole italiane che considerano la sostenibilità una leva fondamentale di crescita, innovazione e competitività (fonte: I Rapporto AGRIcoltura100 - Reale Mutua, Confagricoltura). Per Rijk Zwaan multinazionale olandese leader nella ricerca e commercializzazione di sementi da orto per professionisti del settore, l’attenzione alla dimensione ambientale, sociale ed economica costituisce uno dei pilastri della propria attività, articolata in molteplici aree e ambiti di intervento.   


Lattuga Salanova

“Attraverso il confronto su evoluzioni di mercato, trend di consumo e cambiamenti demografici - sottolinea Andrea Luca Launeck, managing director Rijk Zwaan Italia - siamo in grado di identificare le corrette priorità per i programmi di breeding. Questo ci permette di offrire ai nostri partner soluzioni innovative in grado di rispondere in maniera efficace ed efficiente alle diverse sfide del settore, come quella di garantire alti standard qualitativi e migliorare le rese nel pieno rispetto dell’ambiente”. 



I semi Rijk Zwaan sono alla base di ortaggi buoni e salutari, per il consumatore e per l’ambiente. Le varietà orticole, frutto delle attività di ricerca e innovazione della multinazionale olandese, rendono sempre più efficiente l’utilizzo dei terreni agricoli, necessitano di meno energia e portano a una costante diminuzione della quantità di agenti di protezione delle colture utilizzati. Questo soprattutto grazie al costante lavoro di miglioramento genetico varietale.




L’impegno di Rijk Zwaan non si ferma al seme, ma segue la filiera nella sua interezza, lavorando sulla maggiore shelf life dei prodotti, che permette sia di ridurre lo scarto durante le fasi di produzione e trasporto, sia un minor spreco nei punti vendita e nelle case dei consumatori. Ne sono un esempio Salanova®, la gamma di lattughe Rijk Zwaan che, grazie al concetto “un taglio e pronta”, si separano in tantissime foglioline, tutte utilizzabili, limitando gli sprechi, e Knox™, il carattere Rijk Zwaan che ritarda l’ossidazione dei margini fogliari dopo il taglio, così la lattuga si mantiene fresca più a lungo.
 
L’azienda promuove il consumo di verdure e contribuisce alla diffusione di una coscienza alimentare e al miglioramento degli stili di vita anche attraverso la piattaforma per i consumatori “Love my Salad”, che attualmente ha oltre 250.000 follower sui social media in più di 20 paesi. In collaborazione con food blogger, chef, nutrizionisti e coltivatori, Love my Salad ispira i consumatori a mangiare più verdure fornendo risorse come blog e ricette, nonché organizzando eventi e campagne informative.




E di  impronta spiccatamente green è anche Tomeet, il roadshow recentemente promosso da Rijk Zwaan, dedicato alla Sicilia e al pomodoro e rivolto a 100 aziende tra produttori, vivaisti e realtà commerciali delle province di Siracusa, Ragusa, Caltanissetta e Agrigento. All’insegna dell’innovazione e della sostenibilità, l’iniziativa è stata ideata in forma dinamica anche per far fronte alle limitazioni imposte dalla pandemia. Il team Rijk Zwaan, a bordo di auto ibride, ha così raggiunto gli operatori locali presentando i prodotti anche grazie al supporto di contenuti multimediali e packaging esclusivamente in cartone, per un tour nel pieno rispetto dell’ambiente.



Per maggiori informazioni, è possibile contattare direttamente Rijk Zwaan al numero 051 41 48 210 oppure alla mail marketing@rijkzwaan.it 

Fonte: Ufficio stampa Rijk Zwaan


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: