eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
30 giugno-1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

mercoledì 7 aprile 2021


«Politica agricola europea: chiarire la ripartizione fondi»

La deputata del Misto Simona Suriano ha presentato un'interrogazione per chiedere chiarimenti in merito alla ripartizione dei fondi afferenti alla Politica Agricola Europea 2014/2020, la quale è stata prorogata transitoriamente per gli anni 2021-2022 e con essa è stato emanato un Regolamento transitorio che stabilisce le disposizioni transitorie per assicurare la continuità dei pagamento agli agricoltori per il 2021 e il 2022.

“E’ stato introdotto sino al 2023 un regolamento transitorio che dispone esplicitamente che gli attuali Piano Regionali per lo Sviluppo Rurale continueranno a basarsi sui criteri già esistenti. Sul tappeto, per quanto concerne il nostro Paese, vi sono due proposte: o mantenere i criteri proposti o elaborarne di nuovi per il riparto”.

“Il ministero delle Politiche agricole ha proposto alla Conferenza Stato Regioni e alla Commissione Politiche Agricole il criterio del 70% storico e 30% criteri oggettivi per il 2021 e viceversa per il 2022. Ma così alcune Regioni, specie quelle del sud, subirebbero gravi perdite in percentuale di fondi destinati (in particolare la Campania passerebbe dall'attuale 11,79% di fondi FEASR destinati al 7,60% con una perdita di circa il 6% di fondi, la Regioni Siciliana passerebbe dall'attuale 14,21% al 10,40%)”.

“Visto che un pilastro della Pac è anche lo sviluppo rurale, quindi mantenere la vitalità delle aziende agricole rurali, combattere lo spopolamento, frenare l'erosione e aumentare le quote di aziende che possono reggere l'impatto con il mercato, occorre creare criteri equi ed oggettivi”.

Occorre quindi che il Ministero per le politiche Agricole intervenga sulla questione dei criteri da utilizzare per il riparto dei fondi e per ridurre il gap infrastrutturale e produttivo delle regioni del Mezzogiorno in considerazione della percentuale del 34% dei fondi del Pnrr destinati a ridurre le differenze strutturali tra nord e sud della nostra penisola”, ha concluso la deputata.

Fonte: Ufficio stampa deputata Simona Suriano


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: