eventi
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

giovedì 29 luglio 2021


Danni maltempo, Coldiretti incontra il Commissario Ue

Per affrontare i danni causati dai cambiamenti climatici, con maltempo e incendi che stanno devastando le campagne di tutta Italia, servono strumenti di gestione del rischio sempre più avanzati, efficaci e con meno burocrazia. E’ quanto affermato dal presidente della Coldiretti Ettore Prandini in occasione dell’incontro con il Commissario europeo all’agricoltura Janusz Wojciechowski (a destra nella foto), intervenuto a Roma al Consiglio nazionale della più grande organizzazione agricola d’Italia e d’Europa. Un’occasione per testimoniare la vicinanza ai tanti agricoltori che stanno soffrendo proprio per i danni legati al clima, dagli allevatori della Sardegna che hanno avuto aziende e greggi distrutte dal fuoco agli agricoltori delle regioni del Nord, duramente colpite dalla grandine.
 
Il tema della difesa delle aziende agricole dagli effetti dei mutamenti climatici si inserisce all’interno della nuova Politica agricola comune (Pac), con Prandini che ha ringraziato il Commissario “per l’impegno nell’accordo sulla riforma che ha consentito all’Italia di recuperare risorse rispetto alla proposta iniziale” e ricordando che “ora sarà cruciale l’attuazione nei piani strategici nazionali”. In tale ottica il presidente della Coldiretti ha sottolineato il tema della condizionalità sociale, forte di un’agricoltura italiana con il triplo degli occupati rispetto alla media Ue. “E’ fondamentale - ha ricordato - valorizzare il lavoro delle aziende che rispettano i diritti dei lavoratori e penalizzare chi sfrutta”. 
 
Sul tavolo anche l’importanza della reciprocità delle regole, dove il Commissario Ue ha concordato sulla necessità di “lavorare anche per standard internazionali equi, per un commercio mondiale con regole chiare che non penalizzino i nostri agricoltori. Può essere il momento giusto per promuovere gli standard della strategia Farm to Fork, come global standard”. Un indirizzo da seguire, come proposto da Prandini, anche negli accordi internazionali che troppo spesso finiscono per penalizzare gli agricoltori italiani. 

Wojciechowski ha anche sottolineato come “il modello agricolo italiano, fatto soprattutto di piccole e medie imprese familiari, sia uno dei più importanti a livello europeo. Lo dimostra la produttività degli agricoltori italiani che, a parità di dimensioni, è tre volte più alta di altri Stati membri. Gli ecoschemi, ad esempio, possono aiutare - ha aggiunto - soprattutto un modello di agricoltura come il vostro. Dobbiamo avere meno burocrazia per i piccoli agricoltori, perché solo così potremo dare piena sostenibilità al loro lavoro, ma anche per chi sceglie il metodo biologico”. Per il Commissario Ue il modello di filiera corta italiana, promosso da Coldiretti con l’esperienza di Campagna Amica, è un esempio per tutta l’Europa, poiché è riuscita a mettere insieme sistemi di protezione degli agricoltori con il coinvolgimento diretto dei consumatori. 
 
Sull’etichettatura, altro tema posto da Prandini, Wojciechowski ha detto che “consideriamo con grande attenzione la vostra posizione e dobbiamo sviluppare sistemi di etichettatura trasparenti”. Il Commissario Ue ha rivolto anche un ringraziamento “per l’impegno gli agricoltori italiani per aver aiutato l’Europa ad avere sicurezza alimentare anche durante la pandemia, assicurando gli approvvigionamenti di cibo di qualità”.
 
“Il ruolo dell’Europa può essere centrale nello sviluppo di nuovi sistemi alimentari sostenibili - ha concluso Prandini - Noi crediamo che evidenziare la sostenibilità in etichetta possa aiutare a valorizzare il lavoro di chi davvero si impegna per abbassare l’impatto ambientale. Ma non si devono demonizzare alcuni comparti, come vino e zootecnia, senza vere analisi di impatto e di sostenibilità complessiva”. 

Fonte: Ufficio stampa Coldiretti 
 


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: