eventi
FRUIT ATTRACTION 2020
Online
1-31 Ottobre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

TUTTOFOOD
Milano 
17-20 Maggio 2021
MACFRUT DIGITAL 
Online
28-30 Settembre 2021 

leggi tutto

mercoledì 16 settembre 2020


Banane, trasformare i rifiuti agricoli in bioplastica

Scarti che diventano risorse. Sono sempre di più gli istituti di ricerca e le aziende che nel mondo contribuiscono allo sviluppo di biopolimeri ottenuti da scarti agroalimentari. Quando ottenuta da fonti rinnovabili infatti, la bioplastica non entra in competizione con le filiere alimentari, garantisce le medesime proprietà delle plastiche tradizionali e presenta i vantaggi di essere biodegradabile.

"Le novità più recenti sembrano oggi interessare un prodotto di scarto correlato al frutto più consumato al mondo: la banana", spiega al quotidiano Avvenire Salimata Toh, una giovane ivoriana di 29 anni, originaria di Dabou, città situata a sud della Costa d’Avorio. Appassionata di ambiente ed ecologia, Salimata fa parte, fin da ragazzina, di una Ong che lotta contro il riscaldamento globale.

Nel 2019 l’inizio di una nuova avventura con il progetto Agri Banana Bio: una start up che si occupa della trasformazione dei rifiuti vegetali derivati dalla coltivazione delle banane. "Alcuni ricercatori e in particolare un gruppo dell’Università del New South Wales a Sydney, hanno escogitato un metodo per trasformare i rifiuti agricoli dell’industria delle banane in bioplastica biodegradabile. Il frutto del banano – spiega Salimata – costituisce solo il 12% della pianta, con il resto scartato come rifiuto. Ciò rende la coltura di questo frutto interessante anche per usi alternativi, sia per ridurre gli sprechi sia per fornire una scorta di materie prime per la produzione industriale di bioplastiche. L’attività di coltivazione delle banane è particolarmente dispendiosa perché la pianta muore dopo ogni raccolto. Ogni pianta di banane entra in produzione soltanto dopo 14 mesi e ogni ceppo produce un solo casco alla volta, perciò una volta raccolte le banane si procede al taglio del fusto, che viene lasciato in campo come fertilizzante organico".

E non solo. Le idee non mancano. L’approccio che sta alla base è quello della vera economia circolare: non si butta nulla e tutto può divenire preziosa risorsa. Con il suo progetto, Salimata vince nel 2019 il 2° premio "categoria startup" al concorso Agreen organizzato da Digital Africa in collaborazione con l’AFD e il Ministero ivoriano dell’Agricoltura. Nello stesso anno il progetto arriva in semifinale nel concorso Breizh Africa. "L’inquinamento da plastica è diventato uno dei temi ambientali più pressanti – sottolinea l’attivista ivoriana, oggi giovane imprenditrice –. La produzione di oggetti in plastica usa e getta sta superando la nostra capacità di gestirla. Questo tipo di inquinamento è più evidente nelle nazioni in via di sviluppo dell’Asia e dell’Africa, dove i sistemi di raccolta dei rifiuti sono spesso inefficienti o inesistenti".

Oggi Salimata con la sua startup Agri Banana Bio, produce buste da imballaggio biodegradabili e riciclabili e contribuisce ad abbassare il tasso di deforestazione nel suo paese, con lo sguardo rivolto alle generazioni future. «Il mio sogno – conclude – è rendere la Startup Agri Banana Bio un’azienda eco-cittadina per soluzioni sostenibili e innovative per la mia comunità. Da giovane attivista e imprenditrice ho "dovuto" rispondere alla chiamata del Papa: costruire l’economia della vita, del futuro, amica dell’uomo e del pianeta".

Fonte: Avvenire


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: