eventi
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

giovedì 1 ottobre 2015


«Artisti dell’Opera», un club di aziende per valorizzare le pere ed il brand

Si chiama “Artisti dell’Opera” ed è un club di importanti operatori commerciali del settore ortofrutticolo di alcune delle principali province d’Italia che da lunedì prossimo distribuiranno in esclusiva per il canale dei Centri agroalimentari - da cui transitano il 45% dei volumi di pere commercializzate in Italia - i frutti della compagine nata quattro mesi fa dall’unione d’intenti di 18 primarie realtà (Agrintesa, Alegra, Apo Conerpo, Apo Scaligera, Apol Industriale, Cico, La Diamantina, FruitModena Group, Iaffa, Ital-Frutta, Mazzoni, Naturitalia, Op Ferrara, Op Francescon, Opera, Orogel Fresco, Patfrut, Sant'Adriano) cui fanno riferimento un migliaio di frutticoltori che esprimono circa 200 mila tonnellate di pere.

Comunicare per rilanciare la pera

La “squadra” dei produttori ha dunque deciso di affidarsi ad una “squadra” di grossisti: “Abbiamo coinvolto una quarantina tra le maggiori aziende insediate in oltre 20 province di tutta Italia - spiega a Italiafruit News il direttore generale di Opera Luca Granata - per consolidare ulteriormente un progetto che, un po’ alla volta, vuole riportare all’attenzione del grande pubblico la pera, un frutto tipicamente italiano, squisito, dal profilo nutrizionale eccellente, ma fino ad oggi purtroppo comunicato ai consumatori in modo largamente insufficiente”. 


Pere Abate di Opera pronte per approdare sui mercati 

Ventotto città coinvolte

I grossisti selezionati sono attivi in Centri all’ingrosso o in altre importanti strutture distributive nelle province di Torino, Genova, Milano, Bergamo, Brescia, Bolzano, Verona, Vicenza, Padova, Trieste, Udine, Treviso, Bologna, Rimini, Firenze, Livorno, Cagliari, Oristano, Pescara, Roma, Salerno, Bari, Lecce, Foggia, Cosenza,  Palermo, Agrigento e Catania.  

Dopo l'ingrosso una rete anche per il dettaglio? 

Dopo l’ingrosso, un’analoga iniziativa a “rete” potrebbe forse in futuro interessare anche i dettaglianti mentre la Gdo, canale che veicola il 55% dei volumi di pera, è già diffusamente servita da più di due mesi. 

Pere Williams in partenza in queste ore

Fiducia e cauto ottimismo: «Prodotto buono e bello»

Fiducia e cauto ottimismo in vista dell’imminente “fischio d’inizio” per il nuovo brand: “Il prodotto si presenta bene ed è bello, anzi bellissimo”, dice Granata. “Le aspettative sono buone ed i nostri soci sono per il momento abbastanza soddisfatti di quanto è stato possibile fare in questi primi 121 giorni di attività di Opera. Ma ovviamente siamo solo all’inizio. Vedremo ora cosa sapremo fare e quello che riusciremo a guadagnarci sui mercati nel corso delle prossime settimane, mesi ed anni. L’obiettivo di medio termine? Semplice: esprimiamo un terzo circa della produzione nazionale di pere e puntiamo quindi, gradualmente, a coprire un terzo della quota del mercato italiano…”. 

Per molti ma non per tutti...

Con quale posizionamento? “Abbiamo un prodotto premium, ma vogliamo proporre un ottimo rapporto qualità-prezzo: Opera è probabilmente la pera migliore, ma il suo prezzo la renderà accessibile a molti, anche se magari non proprio a tutti...”, conclude Granata.  

Copyright 2015 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: