eventi
FRUIT ATTRACTION 2020
Online
1-31 Ottobre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

TUTTOFOOD
Milano 
17-20 Maggio 2021
MACFRUT DIGITAL 
Online
28-30 Settembre 2021 

leggi tutto

giovedì 1 giugno 2017


Pomodori, riflettori su Eshkol e Maraskino di Seminis

Lo scorso 25 maggio al centro dimostrativo Pomodoro e Peperone Monsanto, agro di Acate (Ragusa), oltre 350 produttori hanno potuto vedere e toccare con mano le due novita`: Maraskino, pomodoro cocktail ovale, e Eshkol, pomodoro a grappolo.
Dal 2011 il centro dimostrativo di Acate ha aperto le porte ai produttori per presentare le novita` varietali di pomodoro e peperone a marchio Seminis e De Ruiter. Negli anni gli open day presso il centro sono diventati un appuntamento da non mancare per i produttori e un’occasione per Monsanto per rafforzare il dialogo con essi.

I partecipanti nel corso dell’open day hanno potuto visitare le serre e porre domande al team Monsanto sulle caratteristiche delle due varieta` e sulle pratiche colturali consigliate per ottenere i massimi risultati produttivi in quantita` e qualita` dei frutti.



Maraskino e` il nuovo cocktail ovale con pianta vigorosa che puo` essere coltivato tutto l’anno mantenendo alta produttivita` ed eccellente qualita` dei grappoli e dei frutti. Frutti che inoltre si mantegono freschi a lungo grazie anche alla carnosita` delle parti verdi.



Eshkol, e` il nuovo grappolo rosso che si caratterizza per la pianta vigorosa e continuativa ed i frutti consistenti, di pezzatura elevata, 130-150 grammi, e colore rosso brillante.

Il responsabile tecnico sviluppo pomodoro, Nunzio Guastella: “E’ per noi una grande soddisfazione avere cosi` tanti produttori ai nostri open day. E’ l’occasione per condividere con loro i vantaggi e i benefici delle nuove varieta` dopo anni di lavoro. L’apprezzamento dei produttori per Maraskino e Eshkol e` stato superiore alle aspettative a riprova che le migliaia di dati raccolti nelle piu` diverse condizioni di coltura e di trapianto sono la strada giusta per portare valore a chi produce”.



Oltre alla visita delle serre e all’informazioni sulle varieta` e la loro coltivazione, i partecipanti hanno potuto condividere con il team Monsanto ed i propri colleghi i problemi del mondo pomodoro, soluzioni e prospettive per il futuro. Il tutto in un atmosfera di convivialita` assaporando le rinomate specialita` della cucina siciliana.

Fonte: Monsanto


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: