eventi
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong Kong
4-6 Settembre 2019
SANA 
Bologna
6-9 Settembre 2019 
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

Clementine mercoledì 27 febbraio 2019


Produttori sull'orlo della disperazione

La protesta dei pastori sardi tiene banco in Italia. E l'ortofrutta - che nel Sud ha subito l'ennesima batosta dal maltempo - vorrebbe urlare con altrettanta rabbia le proprie difficoltà. Nemmeno il malcontento, però, si riesce a organizzare.

In Puglia c'è chi abbatte i propri agrumeti con le piante ancora cariche di clementine; chi i frutti, invece, li regala ai passanti, e ancora chi si sfoga su Facebook registrando un video di protesta che in queste ore sta diventando virale. Tante facce della stessa medaglia, tante reazioni - a tratti disperate - che fotografano le criticità di un comparto alle prese con prezzi alla produzione non remunerativi, vicino, come hanno ribadito in molti, a un "punto di non ritorno".

Il video che potete vedere qui sotto negli ultimi giorni ha raccolto circa 250mila visualizzazioni su Facebook: il produttore si rifiuta di vendere le clementine a pochi centesimi il chilo, preferisce lasciarle sulla pianta.


La protesta dei pastori sardi, con il latte versato per strada, non è piaciuta agli agrumicoltori che la scorsa settimana hanno manifestato a Taranto: per loro meglio regalare il prodotto ai passanti, cercando di sensibilizzare in questo modo l'opinione pubblica.
Ma davanti a un'annata che lascia ben pochi spiragli positivi, c'è chi ha scelto la soluzione della motosega.


“In provincia di Taranto e sul Gargano, i territori più agrumicoli della Puglia, arance e clementine in moltissimi casi restano incolte, sugli alberi, o a marcire per terra. Apprezziamo lo schema di decreto del Mipaaft sul Fondo nazionale agrumicolo, era una misura necessaria, ma appare per certi versi tardiva e purtroppo insufficiente ad affrontare una situazione disastrosa quest’anno e estremamente difficile”. E’ Raffaele Carrabba, presidente regionale di Cia Agricoltori Italiani della Puglia, a parlare. "Dall’agricoltura, soprattutto in questi ultimi due mesi, sono arrivati segnali forti, eclatanti, emblema del dramma che sta vivendo il comparto primario: i gilet arancioni, gli olivicoltori pugliesi allo stremo, i pastori sardi, i produttori cerealicoli siciliani che vivono una situazione molto simile a quella dei cerealicoltori pugliesi, stanno lanciando un grido di dolore ancora non pienamente colto. Bisogna invertire la rotta, le campagne si programmano, cosi come la ricerca e la sperimentazione di nuove varietà sempre più richieste dal mercato. La riconversione varietale va fatta con materiale sano e certificato, spesso però queste nuove varietà sono da importare e non adeguatamente sperimentate e acclimatate da noi, bisogna quindi investire di più sulla ricerca e la sperimentazione, sui campi piloti e sui nostri validi vivaisti”.

Nel Sud c'è chi ha già investito su nuove varietà, spingendo sul versante della qualità, assicurando continuità nelle forniture e cercando di dare al prodotto una sua riconoscibilità sul mercato, attraverso un brand e il dialogo con il consumatore. Esperienze positive che hanno garantito ai produttori, in un contesto complicato, remunerazioni migliori. Una strada per evitare il punto di non ritorno esiste.

Copyright 2019 Italiafruit News


Maicol Mercuriali
Editor - Social Media Manager
maicol@italiafruit.net

Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: