eventi
TSW 2020
Varsavia (Polonia)
15-16 Gennaio 2020

FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

Drosophila mercoledì 19 giugno 2019


Ecco come contenere Drosophila con le pratiche agronomiche

Se la cerasicoltura sta cambiando, la colpa è anche di Drosophila Suzukii, l'insetto rilevato in Italia per la prima volta nel 2009 e che ha trovato nel ciliegio una casa accogliente. Non c'è una soluzione che, da sola, riesca a contenere il dittero: l'unica strada possibile, come ha spiegato Nicola Mori (Università di Padova) durante il Simposio internazionale del ciliegio, è l'integrazione di diverse strategie partendo da una corretta gestione della coltura.

"La difesa contro Drosophila Suzukii risulta essere molto complessa in quanto le uova vengono deposte all'interno dei frutti sani durante le fasi finali della maturazione e le larve svolgono il loro ciclo completamente riparate all'interno della polpa del frutto - ha spiegato lo studioso - Per questo motivo la lotta è focalizzata prevalentemente a contrastare la presenza degli adulti e a proteggere il frutto in prossimità della raccolta".



Come impostare una strategia di difesa integrata? Bisogna considerare mezzi chimici di contenimento, c'è poi la cattura massale, l'uso di reti anti-insetto, il controllo biologico e le pratiche agronomico-colturali. Proprio sotto quest'ultimo aspetto l'agricoltore può fare molto, prestando attenzione a una serie di aspetti.

"Con potature e forme di allevamento si può creare areazione e un microclima sfavorevole all'insetto - ha illustrato Mori - Drosophila predilige climi freschi e umidi e la vitalità degli stadi giovanili è inferiore in ambienti caldi e asciutti. Una chioma areata, poi, favorisce un adeguato trattamento insetticida. L'uso della pacciamatura sulla fila, lo sfalcio frequente del cotico erboso tra le file e un'irrigazione localizzata, sono azioni che riducono l'umidità nei frutteti, soprattutto in prossimità delle foglie".



Negli impianti con un cotico erboso sotto i 20 centimetri durante tutta la stagione è stata verificata una significativa riduzione della presenza dell'insetto. Infine è fondamentale eliminare i frutti infestati o maturi, oppure quelli soggetti a cracking (clicca qui per leggere la notizia). "Questa - ha concluso il professore - è la pratica agronomica più importante per limitare le infestazioni sulle ciliegie sana delle cultivar tardive".

Copyright 2019 Italiafruit News


Maicol Mercuriali
Editor - Social Media Manager
maicol@italiafruit.net

Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: